Mobilità alternativa sostenibile: un progetto, una sfida per le comunità locali

06/05/2013 in Attualità
Di Redazione

Si avvia alla fase con­clu­si­va il prog­et­to pro­mosso da , selezion­a­to e sig­ni­fica­ti­va­mente finanzi­a­to dal­la Fon­dazione Carip­lo e che ha coin­volto sette Comu­ni dell’area delle Colline Moreniche: Guidiz­zo­lo, Medole, Mon­zam­bano, Pon­ti sul Min­cio, Solferi­no, Vol­ta Man­to­vana e Cavri­ana che, con il suo Sin­da­co Ben­hur Ton­di­ni, ha coor­di­na­to il tavo­lo di lavoro.

Il prog­et­to, avvi­a­to nel 2010, prevede­va l’individuazione e la prog­et­tazione di una rete di per­cor­si cicla­bili e pedonabili che col­le­gasse i comu­ni inter­es­sati e li con­nettesse anche al ter­ri­to­rio cir­costante, sino ad inter­es­sare i flus­si tur­is­ti­ci che fre­quen­tano il Gar­da.

Obi­et­ti­vo prin­ci­pale del prog­et­to quel­lo di pro­muo­vere una mobil­ità dolce, capace di far apprez­zare la vivi­bil­ità dei cen­tri urbani inter­es­sati, ma anche di val­oriz­zare un ter­ri­to­rio nel suo com­p­lesso, dota­to di gran­di poten­zial­ità pae­sag­gis­tiche, cul­tur­ali, enogas­tro­nomiche e inter­es­sato a pro­muo­vere la pro­pria immag­ine tur­is­ti­ca.

Il lavoro svolto in questi anni, coor­di­na­to da Comu­nità del Gar­da, ha vis­to forte­mente coin­volte le strut­ture tec­niche dei comu­ni ed anche i diver­si liv­el­li isti­tuzion­ali ed ha per­me­s­so di costru­ire delle relazioni sig­ni­fica­tive tra i vari sogget­ti che oper­a­no ed insistono sul ter­ri­to­rio, pub­bli­ci e pri­vati e che ren­der­an­no anco­ra più vivo il prog­et­to e lo pro­muover­an­no in futuro.

In questi giorni, i per­cor­si indi­vid­uati, con­sulta­bili e facil­mente scar­i­ca­bili per col­oro che vor­ran­no per­cor­rerli e le rel­a­tive infor­mazioni, lunghez­za e dati alti­metri­ci, sono vis­i­bili diret­ta­mente dal sito del­la Comu­nità del Gar­da, www.lagodigarda.it, nel­la sezione apposi­ta­mente ded­i­ca­ta e denom­i­na­ta “I per­cor­si cicla­bili delle colline Moreniche del Gar­da”.

Sin da questi pri­mi giorni l’interesse sus­ci­ta­to da questi itin­er­ari è molto ele­va­to e si con­tano numerosi acces­si alla sezione del sito.

Il prog­et­to, come accen­na­to, vivrà ora alcu­ni momen­ti di pre­sen­tazione e di coin­vol­gi­men­to sia degli oper­a­tori del ter­ri­to­rio che del­la cit­tad­i­nan­za dei comu­ni coin­volti, can­di­dan­dosi a diventare un motore di svilup­po dell’area ed esem­pio per altre realtà.

Il Pres­i­dente del­la Comu­nità del Gar­da, , esprime sod­dis­fazione, in quan­to affer­ma: “Le Ammin­is­trazioni di Cavri­ana, Guidiz­zo­lo, Medole, Mon­zam­bano, Pon­ti sul Min­cio, Solferi­no e Vol­ta Man­to­vana han­no saputo dar vita ad una part­ner­ship per l’at­tuazione di azioni con­di­vise, investen­do risorse che, final­iz­zate ad un prog­et­to d’area, ne han­no amplia­to la valen­za e l’importanza del risul­ta­to. Le azioni dei Comu­ni, infat­ti, sono rius­cite a met­tere a sis­tema tutte le attiv­ità pre­viste, operan­do su obi­et­tivi inte­grati, con­di­visi e svilup­pati con la più ampia parte­ci­pazione e col­lab­o­razione del­la Comu­nità del Gar­da e del­la Fon­dazione Carip­lo che li ha sostenu­ti, con la pre­cisa volon­tà di incidere sug­li stili di vita delle per­sone e di con­seguen­za ottenere risul­tati per­ma­nen­ti per la sosteni­bil­ità del ter­ri­to­rio”.