Andrea Peroni s'infuria per l'esibizione del corpo bandistico disturbata da mille rumori

Moto, trenino e telefoni in concerto all’area delle Magnolie

27/08/2003 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
gl.m.

Altro che are­na. Quel­la delle Mag­no­lie ai campi da ten­nis dei Gia­r­di­ni di Por­ta Ori­en­tale assomiglia molto di più ad una piaz­za super traf­fi­ca­ta in un giorno di mer­ca­to. Almeno stan­do al rac­con­to che Andrea Per­oni, ex con­sigliere comu­nale, fa del con­cer­to ese­gui­to, nei giorni scor­si, dal cor­po ban­dis­ti­co di Riva. «Se tra gli ammin­is­tra­tori comu­nali o tra i tec­ni­ci del munici­pio — scrive — ci fos­se, non dico un musicista, ma almeno una per­sona provvista di buon sen­so, non sarebbe nec­es­sario ricor­dare loro peri­odica­mente che un pal­co sprovvis­to di fon­dale nat­u­rale o arti­fi­ciale (bas­tano dei pan­nel­li) può andar bene per un con­cer­to ampli­fi­ca­to, ma di sicuro non per una ban­da. Se uno dei nos­tri asses­sori fos­se sta­to sedu­to tra il pub­bli­co si sarebbe reso con­to che il suono anda­va dap­per­tut­to fuorchè ver­so gli spet­tarori. Per non par­lare dei faret­ti pun­tati dirit­ti negli occhi che ren­de­vano dif­fi­cile la let­tura dei spar­ti­ti da parte dei musicisti oppure delle moto­ci­clette che rom­ba­vano durante tut­to il con­cer­to sul­la stra­da ret­rostante, del treni­no scam­panel­lante lun­go tut­to il perimetro del­l’area, del­lo squil­lo del tele­fono del­la vic­i­na stazione dei taxi. Come non rimpian­gere il prezio­sis­si­mo (sebbene ridot­to) pal­co del cor­tile del­la Roc­ca?. Vorre che oltre a me ci fos­se sta­to qualche respon­s­abile del comune a goder­si il mix di musi­ca, auto­mo­bili e treni­no. Ma in questi giorni sono tut­ti impeg­nati ad ulti­mare i prepar­a­tivi per accogliere al meglio i min­istri degli esteri even­to che, ricor­diamo­lo, ha costret­to il cor­po ban­dis­ti­co di Riva a can­cel­lare l’or­mai tradizionale fes­ta “Impaz­za­l­a­bandain­piaz­za” di inizio set­tem­bre. Gra­zie ministri!».