La ragazzina di seconda media eletta alla guida del consiglio comunale dei ragazzi. Il primo passo sarà il gemellaggio con Celle Ligure

Nicole, è lei il sindaco baby

Di Luca Delpozzo
San Felice del Benaco

Da Nicolò a Nicole. Il nuo­vo sin­da­co del­la «Cit­tà dei ragazzi» di San Felice è una ragaz­za, Nicole Sil­vestri, classe 2ª G, che prende il pos­to di Nicolò Bac­co­lo, ora pas­sato alle supe­ri­ori. Le elezioni del con­siglio comu­nale baby si sono svolte nel­la media statale «Ange­lo Zanel­li», sezione stac­ca­ta del­la «28 mag­gio ’74» di Maner­ba. Nel cor­so del­la cam­pagna elet­torale, i can­di­dati han­no pre­sen­ta­to i loro pro­gram­mi. E, alla fine del­la scor­sa set­ti­mana, si sono svolte le votazioni, con le stesse modal­ità sta­bilite per i comu­ni con meno di 5 mila abi­tan­ti. Quat­tro le liste pre­sen­tate. Ha preval­so «Drin! Drin! Pron­to, scuo­la!». Assieme a Sil­vestri, sono entrati, per la mag­gio­ran­za, Fed­er­i­ca Rag­gi, Ele­na Avanzi­ni, Raf­faele Miglio­rati (tut­ti di 2ª G), (1ª G), Fabio Mar­tinel­li (3ª G), Noe­mi Mac­cabiti (2ª I), Sara Mioli (3ª H) e Giu­lia Nov­el­li (1ª I); in mino­ran­za, Daniele Luz­zari (2ª H), Mirko Poli (3ª I), Mar­co Anto­nioli (2ª I) e Alice Bac­co­lo (1ª G). La procla­mazione dei risul­tati è avvenu­ta alla pre­sen­za del pre­side, Gian Pao­lo Comi­ni, e dei sin­daci di San Felice (Ambro­gio Flo­ri­oli) e Pueg­na­go (). Poi si è svolto uno spet­ta­co­lo d’arte varia. «Scopo del­l’inizia­ti­va — spie­ga la pro­fes­sores­sa Lucia Lanzi Aime — è sol­lecitare la parte­ci­pazione dei ragazzi, allo scopo di val­oriz­zare le pro­poste di base e far­le con­verg­ere in deci­sioni di util­ità gen­erale. Gli obi­et­tivi: pro­muo­vere la coscien­za civi­ca, far conoscere l’im­por­tan­za del bene comune e sal­va­guardare il pat­ri­mo­nio col­let­ti­vo, sti­mo­lare a dare un con­trib­u­to atti­vo alla vita sociale del­la pro­pria comu­nità attra­ver­so pro­poste costrut­tive, offrire sug­ger­i­men­ti al con­siglio comu­nale degli adul­ti». I pro­gram­mi: incon­trare altri con­sigli dei ragazzi per uno scam­bio di espe­rien­ze (si effettuerà un con Celle Lig­ure); real­iz­zare il prog­et­to di isti­tu­to dal tito­lo «Fan­ta­sy ed emozioni nel­l’an­ti­co bor­go di Portese», che coin­vol­gerà tut­ti i lab­o­ra­tori del tem­po pro­l­un­ga­to in attiv­ità diverse (teatrali, musi­cali, mul­ti­me­di­ali, oper­a­tive); portare in munici­pio le idee sca­tu­rite durante l’an­no sco­las­ti­co; svol­gere un’at­tiv­ità di edu­cazione socio-affet­ti­va final­iz­za­ta allo «Star bene a scuo­la»; ripresentare la Fes­ta di mag­gio, sec­on­do l’a­bit­uale stile gioioso (due gior­nate eco­logi­co-ambi­en­tali). Gli scor­si anni, ad esem­pio, sono state allestite gare di Ori­en­teer­ing, a pie­di, in bici­clet­ta, monopat­ti­no o roller, su un per­cor­so chiu­so al traf­fi­co delle auto­mo­bili. Divisi in grup­pi, i ragazzi sono sta­ti chia­mati a rispon­dere a cru­civer­ba, indovinel­li e quiz, sino a giun­gere alla meta. Una sor­ta di maxi cac­cia al tesoro. Nel­la piaz­za prin­ci­pale del paese, poi, una serie di spet­ta­coli, col «Gio­co del­l’aria» (domande sul­l’a­zo­to, l’ef­fet­to ser­ra e quan­t’al­tro), la musi­ca dal vivo (brani com­posti dagli stes­si ragazzi, e un’orchest­ri­na orig­i­nale, muni­ta di pietre, conchiglie, bam­bù, leg­ni, coc­co, zuc­che, sonagliere), l’e­s­po­sizione di piat­ti di vetro dec­o­rati, dis­eg­ni, filas­troc­che, fiabe, ricerche. I ragazzi si impeg­nano anche nel­la stesura di prog­et­ti per miglio­rare la qual­ità del­la vita. In pas­sato, ad esem­pio, han­no ideato un per­cor­so ciclo pedonale S.Felice-Portese, sfrut­tan­do lo spazio del mar­ci­apiede esistente. Inter­ven­ti nec­es­sari: instal­lazione di un semaforo, col­lo­cazione dei cartel­li stradali e del­la seg­nalet­i­ca oriz­zon­tale, mod­i­fiche al man­to d’as­fal­to per ridurre i dis­liv­el­li. Uno stu­dio giu­di­ca­to «molto inter­es­sante» da Flo­ri­oli, il sin­da­co vero.