Tra gli sponsor anche il Comune. Maurizio Doro, l'impresa è sotto zero

Pedalerà per 1800 chilometri nei ghiacci dell’Alaska.

16/02/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
gl.m.

Ped­alerà per 1800 chilometri tra le nevi del­l’Alas­ka, in mez­zo a bufere di neve e ven­to, con tem­per­a­ture attorno ai 40 gra­di sot­toze­ro. E’ la nuo­va sfi­da di Mau­r­izio Doro, l’atle­ta arcense del­l’estremo, che assieme alla sua fida­ta moun­tain bike par­tirà domeni­ca mat­ti­na alla vol­ta di Anchor­ange da dove avrà inizio, sette giorni dopo, la sua ulti­ma mis­sione impos­si­bile: “L’Id­i­tas­port Impos­si­ble”, la pres­ti­giosa gara di Mtb a tap­pa uni­ca, in auto­suf­fi­cien­za, dal­la dura­ta mas­si­ma di 40 giorni.«Ma che preve­do di portare a ter­mine in appe­na ven­ti giorni — com­men­ta lo stes­so Doro — arrivan­do a ped­alare anche 30–35 ore con­sec­u­tive». Tra gli spon­sor del­l’inizia­ti­va, oltre a quel­li per­son­ali del­l’atle­ta, anche il comune di Arco e la Sat arcense. Ed è infat­ti nel­la sede del­la Sat che si è svol­ta, mart­edì scor­so, la con­feren­za stam­pa di pre­sen­tazione alla pre­sen­za del pres­i­dente sati­no Gian­car­lo Emanuel­li, del­l’asses­sore allo sport Fab­rizio Miori e di due suoi spon­sor, la GM abbiglia­men­to di Tren­to e Car­pen­tari di Tor­bole. “Abbi­amo deciso di sostenere Mau­r­izio Doro in ques­ta sua impre­sa — ha com­men­ta­to l’asses­sore Fab­rizio Miori — per­chè cre­di­amo nel modo in cui vive queste sue imp­rese e nei val­ori che trasmette, per il suo “non divis­mo” e per il suo cer­care, sem­pre e prin­ci­pal­mente, il con­tat­to con l’am­bi­ente, con la gente e con i loro modi di vivere». La bici­clet­ta mod­el­lo-Car­pen­tari che Doro uti­lizzerà nel­la sua tra­ver­sa­ta tra i ghi­ac­ci è sta­ta prog­et­ta­ta e costru­i­ta apposi­ta­mente per sop­portare sia le par­ti­co­lari sol­lecitazioni a cui andrà incon­tro durante la spedi­zione sia il fred­do polare che attanaglierà, in egual maniera, con­du­cente e mezzo.