Il servizio dalla domenica di Pasqua. Da Colombare al Centro in motoscafo, in circa 10 minuti

Torna il bus navetta dal porto al Castello

12/04/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Riparte dal­la prossi­ma domeni­ca di Pasqua il servizio navet­ta, a bor­do di moto­scafi, tra il por­to di Colom­bare e il cen­tro stori­co di Sirmione.Quasi una Venezia in miniatu­ra quel­la che sta per offrir­si agli occhi dei molti tur­isti che stan­no già affol­lan­do la peniso­la scalig­era, con quel via vai di natan­ti gremi­ti di vil­leg­gianti che potran­no per­cor­rere via lago il paio di chilometri che sep­a­ra la per­ife­ria sirmionese dal castel­lo. A pre­an­nun­cia­re la ripresa del trasporto lacuale sono il Con­sorzio Riv­iera del Gar­da ed il Con­sorzio Moto­scafisti. La parten­za è pre­vista dal por­to Galeazzi (sit­u­a­to a cir­ca 1 km. dall’incrocio semafori­co di Colom­bare) con orari che saran­no aff­is­si in zona. Il tragit­to dura una deci­na di minu­ti; il prez­zo per per­sona è fis­sato in 2,50 euro (1,50 per bam­bi­ni). Anda­ta e ritorno il doppio. L’iniziativa, che quest’anno giunge al suo quar­to appun­ta­men­to, si pro­trar­rà fino alla fine di set­tem­bre e sarà in fun­zione nei giorni fes­tivi nonché nei «pon­ti», come quel­li del 22–25 aprile e il 29 aprile‑1 mag­gio. La final­ità del trasporto via lago non ha cer­to bisog­no di tante spie­gazioni. Durante le gior­nate fes­tive, i tur­isti pen­dolari arrivano a migli­a­ia sin dalle ore del mat­ti­no a Sirmione. Il pot­er con­tare su un tragit­to alter­na­ti­vo, per di più grade­volis­si­mo e anche salutare, non può che incor­ag­gia­re gli auto­mo­bilisti in trasfer­ta a las­cia­re la pro­pria autovet­tura in como­di parcheg­gi, sit­uati nei parag­gi del por­to Galeazzi: in via Bag­n­er, nell’ex cam­po di cal­cio di Colom­bare (davan­ti al cimitero) oppure in quel­lo del piaz­za­le anti­s­tante l’hotel «Du Parc». I natan­ti sono tut­ti degli entro­fuori­bor­do, muni­ti delle pre­scritte dotazioni di sicurez­za (sal­vagente, estin­tori, ecc.) e revi­sion­ati di recente dai tec­ni­ci del­la Motor­iz­zazione Civile. Il per­cor­so avviene par­al­le­la­mente al litorale est di Sirmione, prospiciente la cos­ta veronese. Lo sbar­co dei passeg­geri sarà pro­prio ai pie­di del castel­lo scaligero, dove sono dis­lo­cati alcu­ni como­di pon­tili di appro­do. «Ammi­rare e vis­itare il diret­ta­mente dal lago — sot­to­lin­ea Fran­co Sig­nori, pres­i­dente dei moto­scafisti (suo padre Fil­ib­er­to ave­va con­dot­to per decen­ni una moto­bar­ca) — è un’ottima oppor­tu­nità per apprez­zare le bellezze nat­u­ral­is­tiche del­la peniso­la sirmionese e rap­p­re­sen­ta anche una val­i­da soluzione per decon­ges­tionare il traf­fi­co aut­mo­bilis­ti­co che nei giorni fes­tivi è sem­pre piut­tosto inten­so. E’ anche un modo diver­tente e alter­na­ti­vo per sco­prire alcu­ni scor­ci di Sirmione». Sod­dis­fazione viene espres­sa anche dall’assessore Gior­dano Sig­nori: «E’ un’iniziativa apprez­z­abile e val­i­da che ha ottenu­to risul­tati e con­sen­si pos­i­tivi negli anni pas­sati: dunque, è gius­to ripeter­la». Per infor­mazioni: 030.9905235, sito web www.sirmioneboats.it.

Parole chiave: