Al teatro Alberti presenti Pedrini-Casalegno

Trasgressione in passerella Madame SiSì lancia le «drag»

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
m.to.

Sfi­la­ta scan­da­lo al teatro Alber­ti di Desen­zano. Nel pre­sentare la nuo­va e intri­g­ante lin­ea di moda prodot­ta e dis­tribui­ta da Max Fibre Fash­ion, Car­lo Tes­sari, in arte Madame SiSì, per­son­ag­gio trasformista notis­si­mo e recen­te­mente com­par­so su «Lucig­no­lo» di Italia 1, e che dà il nome alla stes­sa lin­ea di abbiglia­men­to, ha collezion­a­to uno dei suoi spet­ta­coli trasgres­sivi. Tut­to è com­in­ci­a­to pri­ma che la sfi­la­ta delle mod­elle avesse inizio, in un teatro Alber­ti stra­col­mo, con decine di gior­nal­isti e fotore­porter attrat­ti anche dal­la pre­an­nun­ci­a­ta pre­sen­za di Omar Pedri­ni e del­la sua com­pagna Elenoire Casaleg­no, e di altri noti per­son­ag­gi del mon­do del­la moda e del­lo spet­ta­co­lo. La sor­pre­sa si é avu­ta quan­do Madame SiSì, che indos­sa­va un abito azzur­ro lun­go da sera, ha ordi­na­to di soll­e­vare il sipario. Han­no fat­to la loro apparizione alcune «drag queen» in abito da sposa men­tre sul­lo sfon­do si sono posizionati una deci­na di ani­ma­tori, tut­ti rig­orosa­mente nudi. Una «core­ografia» che è sta­ta apprez­za­ta ed applau­di­ta dal pub­bli­co, dici­amo da quel­lo fem­minile ma anche da quel­lo gay, che face­va sen­tire la pro­pria approvazione. E, dunque, la creazione del gio­vane Nico­las Reboud, che affi­an­ca la madre ed il padre nel­la gui­da dell’azienda, ha saputo cogliere nel seg­no. Infat­ti, jeanse­ria per uomo e don­na, t‑shirt, felpe­ria, giac­che ed acces­sori sono sfi­lati indos­sati dai «machi» (vesti­ti dalle «drag queen») e dalle mod­elle in passerel­la. Par­ti­co­lari apprez­za­men­ti han­no rice­vu­to i jeans dec­o­rati da cristalli­ni swaros­ki e i tes­su­ti con i quali sono state prodotte le t‑shirt. Una lin­ea che ver­rà ora com­mer­cial­iz­za­ta nei mag­giori cen­tri ital­iani. Buona l’organizzazione del­la ser­a­ta e del­la sfi­la­ta mes­sa a pun­to da Lopez, pres­i­dente di Max Fibre. Una sfi­la­ta seg­na­ta dal «mar­chio» di Madame SiSì, regi­na delle not­ti delle dis­coteche del­la riv­iera del Gar­da, che è rius­ci­ta a trasfor­mare una sfi­la­ta di moda in uno spettacolo.

Parole chiave: