Scritta dal presidente del museo del castello

Una guida racconta tutti i paesi del lago

14/09/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: - -
Di Luca Delpozzo
Gerardo Musuraca

Le bellezze dell’intero rac­colte e rac­con­tate in una gui­da stori­co-artis­ti­ca, com­ple­ta pure di carti­na stradale. È sta­ta pre­sen­ta­ta appe­na pochi giorni fa, nel cor­tile del castel­lo scaligero, la nuo­vis­si­ma «Gui­da stori­co-artis­ti­ca. Il lago di Gar­da», di Gior­gio Vedovel­li, pres­i­dente del del Castel­lo e tra i fonda­tori del Cen­tro stu­di per il ter­ri­to­rio Bena­cense. Com­pos­to di 200 pagine e ric­co di numerose fotografie, il vol­ume «ha volu­to descri­vere, con la tec­ni­ca let­ter­aria del­lo “stra­ni­a­men­to” — come ha spie­ga­to il dot­tor Mau­r­izio Miele, respon­s­abile del­la Cierre edi­zioni — tut­ti i pae­si del lago di Gar­da, sen­za dis­tinzione di apparte­nen­za alle Regioni Vene­to, Trenti­no Alto Adi­ge e Lom­bar­dia. Vedovel­li, sen­za dare nul­la per scon­ta­to, ha descrit­to accu­rata­mente le bellezze stori­co-cul­tur­ali, guardan­dole con gli occhi di chi non le conosce e res­ta impres­sion­a­to e sbalordi­to nel­lo sco­prir­le». A far da sfon­do alla ser­a­ta, le fotografie del ter­ri­to­rio e dei pae­si bena­cen­si curate dal Grup­po Fotografi­co Lo Scat­to di Gar­da, lo stes­so che, gra­zie ad Ivano Maf­fez­zoli ed alla direzione artis­ti­ca di Ivano Bolon­di, si è occu­pa­to dell’organizzazione de L’Estate Fotografi­ca di Tor­ri, man­i­fes­tazione di grande suc­ces­so e gradi­men­to. «Con questo libro — ha illus­tra­to Gior­gio Vedovel­li — si par­la di tut­ti i pae­si del Gar­da, val­oriz­zan­done il pat­ri­mo­nio artis­ti­co e cul­tur­ale». Par­tendo da Peschiera e sal­en­do a nord fino a Riva del Gar­da, per ritornare poi a Peschiera attra­ver­so la conoscen­za dei pae­si del­la spon­da bres­ciana, Vedovel­li ha volu­to rac­con­tare «sec­oli di sto­ria, attra­ver­so le chiese, le ville ed i castel­li, i tre ele­men­ti essen­ziali e più rap­p­re­sen­ta­tivi per ogni paese dell’area garde­sana e baldense». «Real­iz­za­to in col­lab­o­razione con la di Tor­ri — come ha spie­ga­to l’assessore alla cul­tura Daniela Per­oni — il vol­ume va ad affi­an­car­si, ma con un taglio davvero sug­ges­ti­vo e com­ple­to, alle forse trop­po fram­men­tate pub­bli­cazioni rel­a­tive ai pae­si del Gar­da e del suo entroter­ra, ed è un libro di grande rilie­vo per tut­ti i garde­sani». Tra il pub­bli­co, anche il pres­i­dente dell’Ugav, l’Unione garde­sana alber­ga­tori verone­si dot­tor Giuseppe Loren­zi­ni, «coin­volto» a pieno tito­lo nel­la sto­ria del lago di Gar­da in quan­to tito­lare dell’albergo Garde­sana, «un tem­po sede del Con­siglio del­la “Garde­sana dell’Acqua”, l’unione dei dieci comu­ni che, ai tem­pi del­la Repub­bli­ca del­la Serenis­si­ma, regge­va le sor­ti dei cen­tri riv­ieraschi», come ha illus­tra­to l’autore del vol­ume Gior­gio Vedovelli.

Parole chiave: - -

Commenti

commenti