L’Associazione sportiva guidata da Piero Merigo spazia dal calcio al basket, al volley. Da Polpenazze a Manerba, è il punto di riferimento per tanti giovani

Valtenesi, una fucina di «promesse»

22/01/2004 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Enrico Dugoni

L’Associazione sporti­va Valte­n­e­si, cap­i­tana­ta da Piero Meri­go, ha chiu­so l’anno radunan­do al cen­tro sporti­vo di Polpe­nazze tut­ti i suoi atleti, all’incirca 350, di tutte le età, impeg­nati nelle varie dis­ci­pline sportive — cal­cio, bas­ket e vol­ley -, i famil­iari, ami­ci e sim­pa­tiz­zan­ti, per i tradizion­ali auguri. Nel cor­so del­la ser­a­ta è sta­ta pre­mi­a­ta la forte squadra di cal­cio under 21, che nel­la pas­sa­ta sta­gione ha vin­to il cam­pi­ona­to provin­ciale. La man­i­fes­tazione è ter­mi­na­ta con un rin­fres­co. Alle 18.30, pri­ma del­la man­i­fes­tazione, è sta­ta cel­e­bra­ta la Mes­sa del­lo Sporti­vo, offi­ci­a­ta dai par­ro­ci del­la Valte­n­e­si, alla pre­sen­za dei sin­daci e delle autorità locali e del­la provin­cia. Alla grande para­ta di atleti uno su tut­ti primeg­gia­va per la sua fama di goleador: il non dimen­ti­ca­to Gigi De Paoli, bomber di raz­za degli anni Ses­san­ta, che ha mil­i­ta­to nel­la Juven­tus e nel Bres­cia, ma ha anche vesti­to i col­ori azzur­ri del­la Nazionale. Nel cor­so del­la fes­ta il pres­i­dente Meri­go ha ringrazi­a­to tut­ti i pre­sen­ti, autorità, par­ro­ci, allena­tori, gio­ca­tori, sen­za dimen­ti­care gli autisti dei pull­man, i volon­tari e tutte le per­sone (anche gen­i­tori) che aiu­tano l’associazione a crescere e a far nascere la voglia di stare insieme. Un gra­zie par­ti­co­lare Meri­go l’ha riv­olto a Rober­to Avanzi­ni, pres­i­dente del cen­tro di Polpe­nazze, per aver con­ces­so la fun­zionale strut­tura all’Associazione sporti­va Valte­n­e­si. Questo per­me­tte ai ragazz­i­ni che gio­cano a cal­cio di pot­er­si allenare sen­za prob­le­mi anche nei mesi inver­nali. Un altro gra­zie dovu­to è anda­to al sin­da­co di Maner­ba, , e all’assessore allo Sport Elisa Podavi­ni, per aver con­ces­so la palestra delle scuole ele­men­tari ai ragazzi del bas­ket, allenati due volte alla set­ti­mana da Mir­co Bres­ciani. Meri­go, riv­ol­gen­dosi a tut­ti i ragazzi, ha avu­to parole incor­ag­gianti, piene di entu­si­as­mo e li ha esor­tati a com­por­tar­si nel­la vita con onestà, seri­età e rispet­to. Il con­cet­to che ispi­ra l’azione del pres­i­dente e dei suoi col­lab­o­ra­tori è sem­plice e schi­et­to: l’Associazione sporti­va Valte­n­e­si non è solo una scuo­la in cui si impara una dis­ci­plina sporti­va, ma è soprat­tut­to una scuo­la di vita.

Parole chiave: