giovedì, Giugno 13, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiLa Houston di Monteforte
Festival del Garda. Successo di Francesca Speri con una canzone della grande Withney mentre tra le composizioni inedite ha vinto un medico con un brano su una prostituta

La Houston di Monteforte

Arriva da Cremona il ragazzo che tenta d’infrangere il predominio «rosa» al Festival del Garda. Sulla sponda bresciana Paolo Brambilla di Soncino, già vincitore della tappa di Volta Mantovana, ha conquistato nella sezione inediti il passaggio al turno successivo ai danni di Viviana Laffranchi di Vestone con la sua Guerra interiore. Il cantautore lombardo, di professione medico, davanti ad oltre 1.500 persone ha colpito nel cuore dei giurati con «Marianna», canzone che narra la storia vera di una prostituta. Pezzo amabile tra i più interessanti emersi nella manifestazione canora itinerante ormai alle ultime battute. Concorso che nella sezione interpreti ha invece visto brillare la voce di Francesca Speri di Monteforte d’Alpone. La ventitreenne insegnante d’asilo, seconda a Bussolengo, ha dato l’anima a «One moment in time» canzone dal successo planetario di Whitney Houston. Più staccati in graduatoria la coppia Mara Morini e Alessandro Zandomenechi di Tregnago impegnati nella riproposizione della cover «In amore» di Morandi-Cola. Per loro comunque sogni di gloria infranti come per la bionda Daniela Valloni di Predazzo («Amor mio», Mina) e Giuseppe Balistreri di Mantova, fragile nel tentativo di far decollare un pezzo cult come «Maria» di Ricki Martin. La serata condotta con brio e amabilità dalla giovanissima Gloria Bellicchi, ex Miss Italia nel 1998, è stata impreziosita dal gruppo vocale dei SeiVoci 6 diretti dal maestro Diego Basso. Il sestetto composto da Simona Rodano (soprano), Chiara Santagiuliana (contralto), Tony Guerrieri (tenore), Andrea Tosoni (tenore), Fabrizio Rispoli (baritono) e Claudio Napolitano (basso) ha proposto un medley di successi dei Beatles, di Battisti e l’immancabile «Volare» di Domenico Modugno. Una performance di grande presa che ha dispensato forti emozioni ad un pubblico partecipe trascinato poi in risate senza fine grazie ai pirotecnici monologhi del comico trentino Lucio Gardin. Sul palco anche il gruppo rap dei Matros («Una riposta ora c’è») e la bella e brava Elena Tavernini, vincitrice del Festival nella sezione interpreti nell’edizione di fine millennio. A premiare i vincitori della serata il vicesindaco di Toscolano Vincenzo Chimini e l’assessore al turismo Fabio Gauzzi.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video