venerdì, Luglio 19, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiNascerà sul Garda il primo “Convention Bureau” ?
Un gruppo di operatori turistici, guidati da Alessandro Visconti, da diversi mesi è al lavoro

Nascerà sul Garda il primo “Convention Bureau” ?

Sarà certamente la novità più interessante di questi ultimi anni l’iniziativa in avanzata fase di programmazione riguardante, naturalmente, il turismo gardesano. Un gruppo di operatori turistici, guidati da Alessandro Visconti, da diversi mesi è al lavoro per realizzare un “Convention Bureau” che in altre parti d’Itali, oltre 14, in prevalenza dislocati nel centro-nord, sono già e con grandi risultati operativi.Un ruolo, quello previsto dai vari statuti istitutivi, rivolto non tanto al rilascio di informazioni a carattere prettamente turistico, per questo esistono già bene o male appositi uffici, o di sponsorizzazioni di questa o quella infrastruttura turistica, ma “veicolare strategicamente – spiega Visconti – ogni progetto di comunicazione aggregativa garantendone la qualità”.Ma che cos’è un “Convention Bureau”? “Si tratta di un ente pubblico-privato – afferma il dinamicissimo Visconti della Locanda Santa Giulia di Padenghe sul Garda – preposto alla promozione congressuale e incentive del proprio territorio oltre che delle strutture in esso contenute. In Italia si sta assistendo ad una vera e propria proliferazione di queste iniziative la cui diffusione potrebbe essere un vero toccasana per l’intera industria del forestiero, e non solo. Un sistema aggregativo nel quale possono partecipare tutti coloro a cui il settore turistico può in un modo o nell’altro portare indubbi vantaggi economici”.Sotto l’etichetta “Convention Bureau” possono quindi ritrovarsi alberghi, ristornati, golf, centri congressi, enti pubblici, palazzi storici, musei, parchi e giardini, centri di benessere e di salute, discoteche e night, cantine, centri sportivi, ecc. oltre a località turistiche siano esse rivierasche che situate all’interno dello stesso entroterra o nelle meravigliose colline moreniche. Insomma ambienti e situazioni che una certa corrente di pensiero continua ad ostinarsi a tenere separati all’insegna della distinzione tra leiseur e congress e che tuttavia testimoniano, nella loro complementarietà, l’evoluzione e la diversificazione di tutta l’industria legata al mondo del turismo. Un’industria che addirittura, non dovrebbe più definirsi “congressuale” tanto oramai e divenuto obsoleto questo termine spesso legato a riunioni medico-scientifiche e solo a queste. Un’industria invece che porti sì a congresso, e con esso ad un allungamento della stagione turistica, tanto agognato sul Garda ma mai, in effetti, affrontato con dovuta serietà, professionalità ed impegno, se non in alcuni sporadici casi, ma anche a ballare la sera o a vistare palazzi storici e d’epoca, luoghi culturali, ed altro di cui la zona gardesana e le città limitrofe abbonda.Un’industria quindi variegata e capace, come nessuna latra, in grado di progettare e gestire l’evento in tutta la sua valenza, capace di aggregare persone ogni volta e a seconda dell’evento, diverse fornendo valore aggiunto proprio attraverso questa diversità.Ecco quindi che il “Convention Bureau”, che non dimentichiamolo hanno una natura territoriale, si troverà a gestire, come già accade nelle altre 14 realtà gia operative, un patrimonio di grande eterogeneità, una realtà troppo grande per essere interpretato dai non specialisti. “Chi dirige o presiede una di queste strutture – conclude Visconti – lo sa, ma molti, forse troppi, ancora mostrano di non aver capito: non nella turisticità né nella congressualità sta la caratteristica delle informazioni che scaturiscono dai Convention Bureau, ma nelle multiformità. Impossibile trovare un’altra realtà simile, od una agenzia, che per un’intera area geografica, proponga un sistema di comunicazione capace di spaziare, come già accennato, dal centro congressi alla dimora storica presso la quale magari consumare la cena di gala. Senza dimenticare la capacità di selezionarne la qualità e tutelarla ergendosi a garante del rispetto degli standard. Insomma cambiando il modo di vendere il “prodotto Garda” soprattutto per quanto riguarda i grandi eventi”.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video