giovedì, Maggio 23, 2024
HomeAttualitàTurismo: 60mila presenze in più
Piccolo segno positivo nei dati del 2005. Ma le valutazioni restano preoccupanti per Valtrompia, Bassa e Valcamonica. Bene solo Garda e Franciacorta. Brescia e le grandi mostre? Mordi e fuggi

Turismo: 60mila presenze in più

E’ un sorriso a denti stretti quello che suscita la lettura dei flussi turistici nel Bresciano nel 2005. Ma è comunque un sorriso. Dopo 4 anni di costante e lenta decrescita nella scelta delle bellezze paesaggistiche e artistiche bresciane come meta vacanziera di italiani e stranieri, il 2005 fa registrare un piccola ripresa: hotel, camping e bed&breakfast bresciani hanno registrato 60mila presenze in più rispetto al 2004 (7 milioni 411mila nel 2005 contro i 7milioni 351mila del 2004). Un +0,82% che fa tirare breve sospiro di sollievo solamente agli operatori turistici di Garda e Iseo-Franciacorta. Sì, perchè è solo grazie a queste due aree geografiche, che l’ufficio promozione e statistica dell’assessorato al Turismo della Provincia di Brescia può apporre un segno positivo all’approfondito bilancio annuale. Il resto della provincia riporta dati preoccupanti: il turismo vacanziero e d’affari crolla in Valletrompia (-18,47%) così come nella nella Bassa (-15,24%) e in Vallecamonica (-7,33). Diminuzione contenuta dei turisti anche in Vallesabbia (-3,10%) e a Brescia e hinterland (-2,98%). Due dati confortanti. Uno è segno dell’ottimismo che regna tra gli operatori del settore: i posti letto nelle strutture alberghiere ed extralberghiere della provincia sono aumentate in un anno di 1400 unità. L’altro è il bilancio di un decennio: le presenze turistiche sono aumentate dell’11,41%: aumentati solo gli stranieri (3milioni e 486mila nel 1996 contro gli attuali 4milioni e 350mila) mentre diminuiscono gli italiani (3milioni e 166mila nel 1996 contro gli attuali 3milioni e 61mila). GARDA. Resta la meta più ambita del Bresciano. L’arrivo di 1 milione e 22mila turisti (+2,73% sul 2004) ha fatto registrare 5milioni e 202 mila presenze (ovvero i pernottamenti in strutture alberghiere ed extralberghiere): 144mila in più rispetto al 2004. Sono sempre i tedeschi i maggiori frequentatori della riviera Gardesana, anche se il loro numero è in leggera flessione: 1 milione e 747 mila presenze nel 2005 (-0,79% rispetto al 2004). Si dimezza il numero dei portoghesi (17mila presenze), in forte calo anche americani (38mila, -14% sul 2004), israeliani (34mila, -11%), ungheresi (9mila, un -15%) e giapponesi (circa 3mila, -13%). Aumenta notevolemente la presenza di norvegesi (+58%), irlandesi (+46%), danesi (+12,5%), e russi (++23%), mentre rimane ancora poco significativo il radoppio dei cinesi (quest’anno 2500 presenze). Se il turismo gardesano parla prevalentemente straniero (69% del totale delle presenze), aumenta anche il numero di italiani. Davvero singolare l’aumento vertiginoso dei bolzanini (+138%) e dei trentini (+13%) un dato che non trova euguali in tutto il resto della provincia. ISEO E FRANCIACORTA. La formula della vacanza «balneare» abbinata a quella enogastronomica in voga in Franciacorta, è risultata vincente (ben 680mila presenze con un +3,44% sul 2004). Se il Garda parla straniero il Sebino parla italiano, visto che il 63% dei turisti sono nostri connazionali, soprattutto lombardi. Tra i turisti d’oltralpe i tedeschi restano al primo posto negli arrivi ma vengono battuti dai danesi nelle presenze (+5,38% rispetto al 2004). VALLECAMONICA. Preoccupa il drastico calo del turismo camuno (701mila presenze, -7,33% sul 2004). Se gli stranieri disertano gli alberghi (-8%) gli italiani fuggono dalle strutture extralberghiere (-24% sul 2004), anche se restano i maggiori frequentatori della valle (82% delle presenze). L’ufficio turismo dell’assessorato provinciale imputa questo preoccupante calo alla «pesante diminuzione di circa 300 posti nelle strutture alberghiere per scelte imprenditoriali». VALTROMPIA. Sono lontani i tempi d’oro del turismo anni Cinquanta imboccato dalle località di Bovegno e Collio. Le poche presenze del 2004 (19.432) diminuiscono ancora: 15.843 nel 2005. Sono quasi tutti italiani (oltre 13mila) e sono proprio loro ad aver disertato la valle. Pesa fortemente la recessione industriale che fa diminuire fortemente i «soggiorni d’affari». VALLESABBIA. «La ricettività del lago soffre la situazione ambientale compromettente» commenta l’ufficio turistico dell’assessorato. Questa la causa principale della diminuzione di turisti italiani (-16%), mentre aumenta la presenza di stranieri, soprattutto olandesi: (143mila contro il 138mila del 2004). BRESCIA E HINTERLAND. Diminuisce il «turismo d’affari» che ha sempre constraddistinto i pernottamenti in città, dove troviamo ancora la maggioranza di italiani (70%) anche nel 2005. I visitatori delle grandi mostre «fino ad oggi non si sono trasformati in turisti – commenta l’ufficio turistico dell’assessorato – .C’è ancora bisogno di tempo perchè l’immagine e il richiamo creati dal grande evento si assestino e generino turismo». BASSA. In costante e pesante calo (-27%) le presenze legate soprattutto al turismo d’affari, anche se i posti letto delle strutture ricettive sono aumentati di 145 unità. Il turismo enogastronomico e legato a manifestazioni artistiche e culturali non sembra ancora dare i frutti sperati, in una Bassa sempre più costellata di capannoni industriali e quartieri dormitorio, il sogno di un turismo di nicchia pare sempre più utopico.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video