Saranno poco meno di trecento (269 per l’esattezza), record nazionale per questo tipo di rassegna, le etichette di presenti al concorso per le migliori grappe del Garda, di Lombardia, Veneto e Trentino Alto Adige,

269 grappe per l’Alambicco del Garda

30/08/2001 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Saran­no poco meno di tre­cen­to (269 per l’esattezza), record nazionale per questo tipo di rasseg­na, le etichette di pre­sen­ti al con­cor­so per le migliori grappe del Gar­da, di Lom­bar­dia, Vene­to e Trenti­no Alto Adi­ge, che si svolge sot­to l’accattivante, ed indov­ina­to, nome di «Alam­bic­co del Gar­da» real­iz­za­to dal Comi­ta­to orga­niz­za­tore del­la 25° edi­zione del­la fiera di Pueg­na­go con il patrocinio del­l’Anag, Asso­ci­azione Nazionale Assag­gia­tori di grap­pa sezione di Bres­cia. Una man­i­fes­tazione di gran pre­gio ques­ta che per la pri­ma nel­la sto­ria del­la Fiera, dal 31 agos­to al 3 set­tem­bre, tro­va accoglien­za nelle antiche sale del­l’an­ti­co palaz­zo Tebal­di­ni che diven­ta di fat­to sede dì espo­sizione e di servizi legati alla man­i­fes­tazione fieris­ti­ca di Pueg­na­go. La sto­ria di Pueg­na­go è lega­ta a Tebal­do da Pueg­na­go che nel ‘500 ricevette in dono dal Duca d’Este il castel­lo per “sum­mam fideli­tatem” e per i servi­gi mil­i­tari presta­ti. In epoca suc­ces­si­va segue la famiglia Tebal­di­ni che fin dai pri­mi del ‘900 era l’artefice prin­ci­pale del­la pro­duzione del vino, in par­ti­co­lare del Grop­pel­lo, come dimostra­no le antiche etichette del­l’e­poca, ed eserci­ta­vano un impor­tante ruo­lo di sti­mo­lo e di emu­lazione da parte del­la gente del luo­go, per quan­to riguar­da le pro­duzioni agri­cole, oggi così apprez­zate dal mer­ca­to. Da tem­po la sorte del pres­ti­gioso edi­fi­cio è entra­ta nel miri­no del­l’Am­min­is­trazione civi­ca la quale intende venirne in pos­ses­so per farne pregevolis­si­mo con­teni­tore di mostre, attiv­ità pro­mozion­ali rel­a­tive ai prodot­ti del­l’a­gri­coltura e dì servizi alla popo­lazione. Il Sin­da­co prevede di giun­gere presto alla con­clu­sione di un accor­do defin­i­ti­va con gli ulti­mi dis­cen­den­ti. L’o­bi­et­ti­vo del­la rasseg­na, dunque, non è solo selezione e dibat­ti­to fra esper­ti ed addet­ti ai lavori ma anche occa­sione di coin­vol­gi­men­to da parte dei vis­i­ta­tori i quali saran­no invi­tati ad esprimere il loro giudizio attra­ver­so una sche­da pre­dis­pos­ta. Novità asso­lu­ta di quest’an­no riguar­da l’Annullo Spe­ciale che l’Am­min­is­trazione delle Poste ha con­ces­so durante i giorni del­la Fiera con un logo che esalta il tipi­co liquore ital­iano ponen­do­lo all’at­ten­zione internazionale.

Parole chiave: -

Commenti

commenti