Impianti aperti nei festivi e in alcune date, sempre dal 16 giugno. In Prada allo studio un bike park per discese nei prati

Bici e seggiovia sul Baldo

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Elena Cardinali

In bici giù per le pra­terie del . È il prog­et­to di un grup­po di oper­a­tori tur­is­ti­ci del­la zona per far nascere un «bike park» sul Monte Bal­do, in tan­dem con la Soci­età Mon­te­bal­dog­a­r­da, realtà nata nel 2006 per gestire la con­ces­sione del­la tele­cab­i­na-seg­giovia Pra­da Monte Bal­do, di cui è pres­i­dente il pro­fes­sor Ennio Peretti. L’idea di far nascere un nuo­vo ele­men­to di richi­amo sul Bal­do, riv­olto agli appas­sion­ati di moun­tain bike si coni­u­ga con l’avvio del­la nuo­va sta­gione del­la tele­cab­i­na-seg­giovia Pra­da-Monte Bal­do, inizia­ta con le feste di Pasqua e che ripren­derà sec­on­do un cal­en­dario sca­den­za­to fino a giug­no e quin­di con­tin­u­a­ti­vo fino a settembre.La tele­cab­i­na-seg­giovia di Pra­da rap­p­re­sen­ta un mag­nifi­co acces­so da sud al Monte Bal­do, con i suoi 2218 metri sul liv­el­lo del mare, fa pre­sente il pro­fes­sor Peretti, «una ter­raz­za sul Gar­da da cui si gode un panora­ma moz­zafi­a­to che, nelle gior­nate più limpi­de, spazia sul­la pia­nu­ra Padana fino a Venezia, agli Appen­ni­ni e al Monte Rosa. Inoltre qui si tro­va un ambi­ente ric­co di flo­ra e di fau­na: i botani­ci del Rinasci­men­to lo definirono il gia­rdi­no d’Europa per la vari­età delle sue specie arboree e flo­re­ali. Ma anche per gli sportivi il Bal­do rap­p­re­sen­ta un’interessante oppor­tu­nità, facil­mente rag­giun­gi­bile e in breve tempo».Oltre al già col­lauda­to para­pen­dio, da quest’anno potrebbe par­tire anche una grande area ded­i­ca­ta alle moun­tain bike, rical­can­do il mod­el­lo francese che prevede l’abbinamento tra impianto di risali­ta e piste seg­nate per la disce­sa delle biciclette.«C’è grande atte­sa per chi prat­i­ca freeride e down­hill», con­tin­ua Peretti, «cioè discese libere giù per le pra­terie, ovvi­a­mente su per­cor­si adeguati che non vadano a inter­ferire con le aree pro­tette. Gli appas­sion­ati di questi sport avreb­bero così l’opportunità di salire con la loro bike fino alla pri­ma stazione dell’impianto, a Mal­ga Pra­da, a 1500 metri, che si effet­tua in tele­cab­i­na, a dif­feren­za del sec­on­do trat­to, in seg­giovia, che arri­va fino al crinale, a 1900 metri d’altezza».In aprile l’impianto sarà fun­zio­nante nelle gior­nate fes­tive (15, 22, 25) nonchè il 29 e il 30. A mag­gio sarà aper­to nelle set­ti­mane tra l’uno e il 6, tra il 13 e il 17 e quin­di il 18, il 19, il 20, il 26 e il 27. A giug­no aprirà nei giorni 2 e 3, il 7, 8, 9 e 10 e, quin­di , sen­za inter­ruzione, dal 16 giug­no al 16 set­tem­bre. Suc­ces­si­va­mente a set­tem­bre riaprirà dal 23 al 30 men­tre in otto­bre dal 7 al 14. Ogni infor­mazione si può reperire tele­fo­nan­do agli impianti Pra­da (045.7285662) oppure riv­ol­gen­dosi agli uffi­ci di infor­mazione tur­is­ti­ca (Iat) di San zeno di Mon­tagna (045.6289296, iatsanzeno@provincia.vr.it) e Bren­zone (045.7420076, iatbrenzone@provincia.vr.it). L’orario feri­ale dell’impianto va dalle 9 alle 18 (dal pri­mo set­tem­bre va dalle 9 alle 17) men­tre quel­lo fes­ti­vo è dalle 9 alle 18.30 ( dal pri­mo set­tem­bre dalle 9 alle 17.30).

Parole chiave: