Il canto della stella” riprende una vecchia tradizione di Lazise

10/01/2017 in Attualità
Parole chiave: - -
Di Sergio Bazerla

Il can­to del­la stel­la, il par­roc­chiale, la fes­ta del­l’ han­no dato la stu­ra ad una serie di offerte sol­i­dali in ter­ra di mis­sione. Tre sono i des­ti­natari legati soprat­tut­to al mon­do del­l’in­fanzia e dei bam­bi­ni abban­do­nati o in difficoltà.

Abbi­amo deciso di ripren­dere una tradizione che da tem­po era sopi­ta — spie­ga Luciano Fil­ip­pi del cir­co­lo NOI- Cen­tro Gio­vanile Par­roc­chiale — come il can­to del­la stel­la. E gra­zie ad alcu­ni ami­ci che si occu­pano atti­va­mente del cen­tro par­roc­chiale, coa­d­i­u­vati da alcu­ni ragazzi del grup­po ado­les­cen­ti, abbi­amo pre­so l’inizia­ti­va di girare alcu­ni quartieri ed alcune con­trade per­iferiche per incon­trare la gente. Abbi­amo can­ta­to, ci siamo diver­ti­ti — con­tin­ua Fil­ip­pi — abbi­amo anche coin­volto anche chi ci ha ospi­ta­to. E con l’oc­ca­sione abbi­amo rac­colto alcu­ni fon­di, oltre 400 euro che abbi­amo gira­to, in stret­to accor­do con il par­ro­co alla nos­tra suo­ra mis­sion­ar­ia Suor Bruna Imel­da Sabai­ni per l’ac­quis­to del lat­te pedi­atri­co nel­la mis­sione africana in cui opera. Con­ti­amo di pot­er coin­vol­gere un numero mag­giore di ami­ci che si impeg­ni­no a cantare la stel­la per il prossi­mo per­chè è sta­ta molto gra­di­ta ed è un vero ritorno alla tradizione.”

Per l’or­fan­otrofio di Suor Dori­na Bar­cel­lari che opera a Nagaoundere, nel nord del Camerun, che fa rifer­i­men­to alla con­gregazione milanese di Maria Mater Orphano­rum sono sta­ti des­ti­nati i fon­di rac­colti in occa­sione del­la pre­sen­za dei bam­bi­ni e delle famiglie nel­la gior­na­ta del­l’Epi­fa­nia. ” La som­ma non è ril­e­vante, poco più di un centi­naio di euro — sot­to­lin­ea il par­ro­co — ma è il gesto che con­ta. Lo spir­i­to che ha ani­ma­to i bam­bi­ni e le famiglie nel cor­so del rito dell’Epifania.”

Sono andati invece ad una casa-famiglia di Verona cit­tà, a favore dei bam­bi­ni e ragazzi in affi­do, la som­ma di 250 euro rac­col­ta con le pre­sen­ze pres­so il pre­sepe allesti­to all’altare del cro­ci­fis­so nel­la chiesa parrocchiale.

Ser­gio Bazerla

 

Parole chiave: - -