Domani sera gastronomia in piazza. Gli organizzatori: «Piatti preparati con i prodotti autunnali»

Cucina tipica e musica Ritorna «Salògolosa»

29/09/2004 in Enogastronomia
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Domani tor­na «Salò­golosa». Dalle 19.30 a mez­zan­otte, nelle vie del cen­tro stori­co, sarà pos­si­bile gustare piat­ti sfiziosi. «È un’edi­zione stra­or­di­nar­ia — spie­ga Ange­lo Dal Bon, l’an­i­ma del Comi­ta­to orga­niz­za­tore — sia per­ché a grande richi­es­ta dopo il suc­ces­so di mag­gio abbi­amo dovu­to ripro­por­la sen­za aspettare un anno, che per le novità riguardan­ti menù, colon­na sono­ra e core­ografia». Tut­ti i piat­ti pre­sen­tati saran­no tipi­ci del­la sta­gione autun­nale: spie­di, salmì di lep­re, capri­o­lo, cer­vo, stra­cot­ti, funghi e tartu­fi, bac­calà, polente tiragne, eccetera. «Sot­to i por­ti­ci del Palaz­zo comu­nale — pros­egue — ver­ran­no ospi­tati numerosi arti­giani del cioc­co­la­to, che offriran­no infi­nite degus­tazioni di questo stra­or­di­nario prodot­to, conosci­u­to anche come il cibo degli Dei. Saran­no pre­sen­tati semi­fred­di di vari generi, torte accostate a vari tipi di frut­ta, cioc­co­la­ti­ni di ogni genere, pic­co­la pas­tic­ce­ria. Il tut­to prepara­to con cioc­co­la­to prove­niente da famosi cru del­l’Amer­i­ca Cen­trale». Eccezionale, poi, la pre­sen­tazione del vio­li­no di Gas­paro da Salò in cioc­co­la­to, con ricer­ca di par­ti­co­lari tec­niche del­la lavo­razione per ripro­durre l’ef­fet­to del leg­no anti­co. Opera dei pas­tic­ceri Mar­co Zuanel­li e Pier­lui­gi Andreoni con il loro staff. Cuci­na ma non solo:la colon­na sono­ra sarà assi­cu­ra­ta da una lun­ga lista di con­cer­ti di musi­ca clas­si­ca. «Per recu­per­are la filosofia di parten­za — con­tin­ua Dal Bon -, abbi­amo scel­to la for­mu­la del coro come filo con­dut­tore musi­cale del­la ser­a­ta: dai poli­foni­ci a quel­li di mon­tagna o in dialet­to popo­lare bres­ciano, dal coro dei madri­gali del ‘400 e ‘500 (con i pri­mi esem­pi di musi­ca poli­fon­i­ca pro­fana nelle case sig­no­rili o all’aria aper­ta, con sogget­to amoroso pas­torale) ai rus­si delle antiche orig­i­ni orto­dosse, dai cori veneziani (per ono­rare l’ap­parte­nen­za del­la nos­tra cit­tà alla Serenis­si­ma) agli arcaici rit­mi africani ridi­men­sion­ati dal­la schi­av­itù d’oltre oceano in dimen­sioni evan­geliche mod­erne, come gli Spir­i­tu­als». Per aumentare la sug­ges­tione del­la ser­a­ta si è pen­sato di abbas­sare l’in­ten­sità delle luci del cen­tro stori­co, e dotare ogni parte­ci­pante di una pic­co­la tor­cia per con­sen­tir­gli di illu­minare anche gli angoli più oscuri del paese. Tut­ti i cori ver­ran­no inoltre seg­nalati da numerosi lumi­ni col­orati. Oltre al ritiro degli acces­sori (grem­bi­ule, bic­chiere, forchet­ta, cuc­chi­aio, piat­to, una tor­cia Man­i­tal e una bot­tiglia di acqua del­la ), la sche­da, da 60 euro, dà dirit­to a 13 degus­tazioni di aper­i­tivi e vini, due di dis­til­lati e frut­ta sot­to grap­pa, quat­tro antipasti e/o pri­mi, il risot­to di Casa Esen­ta, il maiali­no da lat­te rip­ieno alla castagne (pre­sen­ta­to dai ragazzi del­l’Is­ti­tu­to alberghiero di Gar­done Riv­iera), una porzione di spiedo del­la Valle Camon­i­ca, cinque sec­on­di, tre di for­mag­gi e/o dol­ci, sei tra dol­ci e cioc­co­la­to, il croc­cante di Beppe Zioni, due sfiziosità all’o­lio extravergine, un caf­fè. Preno­tazioni tele­foniche al numero 338–3482045 oppure nel negozio di via S.Carlo 50 o nel book shop del munici­pio. Per infor­mazioni con­sultare il sito Inter­net www.salogolosa.it.

Parole chiave: