Bilancio positivo per la manifestazione che allunga la stagione turistica: Bonuzzi: «Abbiamo scommesso e abbiamo vinto»

Il Natale a Bardolino fa segnare il tutto esaurito

08/01/2020 in Senza categoria
Di Redazione

Trascor­sa l’ è tem­po di bilan­ci per Il a Bar­dolino, il con­teni­tore di appun­ta­men­ti natal­izi che dal 23 novem­bre al 6 gen­naio ha ani­ma­to il lun­go­la­go e il cen­tro stori­co del paese affac­cia­to sul .

Il pri­mo dato arri­va diret­ta­mente da una delle attrazioni prin­ci­pali del­la man­i­fes­tazione, la pista di pat­ti­nag­gio sul ghi­ac­cio e il suo grande igloo, che han­no fat­to reg­is­trare un incre­men­to degli incas­si rispet­to al 2018 del 4%. Un dato par­ti­co­lar­mente sig­ni­fica­ti­vo, soprat­tut­to in con­sid­er­azione del fat­to che l’anno prece­dente ave­va garan­ti­to 45 giorni con­sec­u­tivi di bel tem­po, men­tre la pri­ma parte di dicem­bre 2019 è sta­ta inter­es­sa­ta da numerosi giorni di piog­gia: «Per la pri­ma vol­ta nel­la sto­ria di questo even­to abbi­amo allarga­to l’appuntamento fino a Par­co Car­rara Bot­tag­i­sio e indub­bi­a­mente questo ha por­ta­to i frut­ti sperati: per­me­t­tere ai vis­i­ta­tori di trascor­rere più tem­po in paese rispet­to al pas­sato. Bar­dolino, quin­di, non è più solo la tap­pa di un tour alla scop­er­ta di vari mer­ca­ti­ni, ma una meta natal­izia vera e pro­pria», ha spie­ga­to Car­lot­ta Bonuzzi, con­sigliere con del­e­ga alle man­i­fes­tazioni del Comune di Bardolino.

Orga­niz­za­to dal­la Fon­dazione , il Natale a Bar­dolino ha per­me­s­so anche a numerose attiv­ità di tenere aper­to e allun­gare la sta­gione tur­is­ti­ca: «Dai dati che abbi­amo in nos­tro pos­ses­so pos­si­amo dire con certez­za con ormai più dell’80% delle attiv­ità di ris­torazione e bar riman­gono aperte nel peri­o­do nel peri­o­do natal­izio, e oltre il 50% di quelle com­mer­ciali – ha spie­ga­to , pres­i­dente del­la Fon­dazione – fino a qualche anno fa era una rar­ità trovare dei negozi o dei bar aper­ti, oggi è la pras­si. Così come gli alberghi, che soprat­tut­to per le fes­tiv­ità e il han­no reg­is­tra­to numeri impor­tan­ti e in crescita».

Fare un con­teg­gio delle pre­sen­ze è molto dif­fi­cile, ma sec­on­do Ivan De Beni l’incremento è sot­to gli occhi di tut­ti: «Vivo il paese tut­ti i giorni e un seg­nale chiaro delle pre­sen­ze sono i parcheg­gi ded­i­cati ai vis­i­ta­tori: quan­do anche i fon­di a vigne­to ven­gono aper­ti per per­me­t­tere di parcheg­gia­re vuol dire che il cen­tro è affol­la­to come un giorno in piena sta­gione tur­is­ti­ca e questo è suc­ces­so qua­si tut­ti i week­end e tut­ti i giorni dal 24 dicem­bre al 6 gennaio».

Numeri impor­tan­ti anche per la rasseg­na dei pre­sepi in mate­ri­ale rici­cla­to a cura di Ser­it, Con­siglio di Baci­no Verona Nord e dal Con­sorzio del Baci­no Verona Due, un padiglione di 200 metri qua­drati pre­so let­teral­mente d’assalto dai vis­i­ta­tori, così come l’area food cop­er­ta e le attrazioni ded­i­cate ai più pic­coli: «Ora ci godi­amo questo suc­ces­so, ma siamo già pron­ti a ripar­tire e la sta­gione 2020 ris­erverà gran­di sor­p­rese e impor­tan­ti novità che a breve svel­ere­mo – ha con­clu­so Car­lot­ta Bonuzzi – Il nos­tro tur­is­mo non può pre­scindere da even­ti dal forte richi­amo inter­nazionale e di val­oriz­zazione del ter­ri­to­rio ed è pro­prio in ques­ta direzione che andrà la prossi­ma sta­gione, che si aprirà già a feb­braio con la terza edi­zione di Lago di Gar­da in Love».