Grande successo per la 51ª edizione della Fiera del vino di Polpenazze che ieri ha chiuso i battenti. Un successo decretato soprattutto dalla presenza ampia di pubblico, ma anche di espositori.

In archivio la 51a Festa del Vino

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Luigi Del Pozzo

Grande suc­ces­so per la 51ª edi­zione del­la Fiera del di Polpe­nazze che ieri ha chiu­so i bat­ten­ti. Un suc­ces­so dec­re­ta­to soprat­tut­to dal­la pre­sen­za ampia di pub­bli­co, ma anche di espos­i­tori, per la mag­gior parte vini­coli, che han­no costret­to gli orga­niz­za­tori a reperire altri spazi anche al di fuori delle clas­siche mura del castel­lo. Assai indov­ina­ta la for­mu­la di vendere vino in gran­di bic­chieroni di plas­ti­ca da mez­zo litro, per evitare l’abbandono incon­sul­to delle bot­tiglie di vetro. Anche la «sfi­da» dei sala­mi Doc «per un vino Doc un salame Doc», che da molti anni viene effet­tua­ta nel cor­tile del Bar Cen­trale, ha avu­to un lus­inghiero suc­ces­so vis­to che al sin­go­lare con­cor­so sono sta­ti pre­sen­tati 21 cam­pi­oni fra i quali ne sono sta­ti selezionati 6 che han­no parte­ci­pa­to all’assegnazione del «7° Gran Pre­mio del salame Doc». Alla fine è sta­to dec­re­ta­to vinci­tore Remo Bertazzi che va ad iscri­vere così il suo nome, per la quar­ta vol­ta, nell’albo d’oro. Un con­fron­to, quel­lo fra i migliori sala­mi prodot­ti in Valte­n­e­si, che ave­va pre­so avvio nel 1956 e sola­mente da 7 anni è sta­to ele­va­to a «Gran Pre­mio» con una com­mis­sione com­pos­ta da 8 esper­ti assag­gia­tori dell’antica arte e tradizione norci­na. «Sicu­ra­mente nel­la prossi­ma edi­zione dovre­mo riag­giustare l’orario di chiusura ripor­tan­do­lo alle ore 24 — affer­ma Francesco Bottarel­li coor­di­na­tore del Comi­ta­to Orga­niz­za­tore — È un vero con­trosen­so dover sospendere musi­ca e diver­ti­men­to nel momen­to in cui la gente inizia a diver­tir­si. Abbi­amo vis­to che il divi­eto di vendere vino in bot­tiglia dopo una cer­ta ora è servi­to a riportare nel­la gius­ta inter­pre­tazione del­la filosofia fieris­ti­ca lega­ta al vino». Nelle 4 gior­nate di fiera, svilup­pate in prevalen­za dalle 16 alle 23, tranne per la gior­na­ta domeni­cale, sono sta­ti uti­liz­za­ti oltre 20 mila bic­chieroni e poco più di 35 mila bic­chieri di plas­ti­ca, Corte degli Assag­gi a parte. Pos­i­ti­vo anche il Con­veg­no pro­pos­to dall’Istituto Pro­fes­sion­ale di Sta­to di Lona­to iner­ente il set­tore dell’agriturismo tenu­tosi nel pomerig­gio di ieri lunedì, come pure l’incontro con­viviale con le varie Con­fra­ter­nite ed Asso­ci­azioni di cat­e­gorie ospi­tate nel pomerig­gio di ieri dal pres­i­dente del Comi­ta­to Fiera Giuseppe Tur­ri­na e dal sin­da­co Gian­car­lo Ribelli

Parole chiave: