Si alza il sipario il 28 settembre con lo spettacolo «Chi de fiori feriss» Parte la rassegna di teatro amatoriale Sei recite in un mese e mezzo

La stagione dei racconti

20/09/2002 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Riva del Garda

Frangen­ti di vita quo­tid­i­ana, aned­doti del pas­sato che non muoiono mai, even­ti stori­ci ripro­posti in chi­ave mod­er­na. Tut­to all’in­seg­na del­l’iro­nia e dei buoni sen­ti­men­ti. Tor­na, pun­tuale come sem­pre, la sta­gione del teatro ama­to­ri­ale allesti­ta dal cir­co­lo cul­tur­ale G. Zanel­li in col­lab­o­razione con la com­pag­nia teatrale “I Sar­caioli” e il patrocinio del­l’asses­so­ra­to alla cul­tura del comune di Riva. Sei le com­pag­nie filo­dram­matiche tren­tine che per più di un mese si altern­er­an­no nel­lo spazio rica­va­to nel­l’au­di­to­ri­um delle scuole medie rivane Sci­pio Sighele. Il sipario si alz­erà saba­to 28 set­tem­bre (e repli­ca il giorno seguente) con lo spet­ta­co­lo “Chi de fiori feriss” che met­ter­an­no in sce­na I Sar­caioli del pres­i­dente tut­to fare Mario Segan­ti­ni. Saba­to 5 otto­bre toc­cherà, invece, al Gad di Tren­to inscenare il diver­tente “Sior Todero Bron­tolom” di Car­lo Goldoni. Sette giorni dopo la Filo Argen­to Vivo di Cog­no­la pro­por­rà “L’ass de bas­toni” men­tre il 19 otto­bre la Filo Sopra­monte si esi­birà nel clas­si­co, ed applau­di­to, “En neò descolz”. Saba­to 26 otto­bre la Filo “Quei de Vilazan” sarà impeg­na­ta nel­la ripropo­sizione de “Il mon­do d’ac­qua” di Aldo Nico­laj. La chiusura del­la rasseg­na spet­terà, invece, alla Teatro Insta­bile di Meano che porterà in sce­na la com­me­dia com­i­ca in due tem­pi “L’ar­ma­ta Bran­ca­le­one” trat­ta dal­l’omon­i­mo film di Mario Mon­i­cel­li. Le rap­p­re­sen­tazioni inizier­an­no tutte alle 20.45. Per la pre­ven­di­ta bigli­et­ti riv­ol­ger­si alla dis­til­le­ria Bres­ciani di via Mar­ti­ni a Riva. Ingres­so 6 euro, abbona­men­to 28 euro.