Le agevolazioni fiscali per l’acquisto di elettrodomestici nel 2022

22/06/2022 in Attualità
A Italia
Di Redazione

Gli elet­trodomes­ti­ci in casa sono indis­pens­abili per il com­fort abi­ta­ti­vo e, per il risparmio ener­geti­co. Quan­do si par­la di gran­di elet­trodomes­ti­ci la spe­sa per un nuo­vo acquis­to può anche arrivare a cifre impor­tan­ti, quin­di, pri­ma di sos­ti­tuire l’ap­parec­chio, il con­siglio è quel­lo di affi­dar­si a pro­fes­sion­isti per la riparazione di elet­trodomes­ti­ci a Bres­cia e val­utare se è pos­si­bile riparare l’elet­trodomes­ti­co man­te­nen­do la stes­sa effi­cien­za. Qualo­ra il dan­no fos­se ripara­bile, oltre a risparmi­are in ter­mi­ni eco­nomi­ci, si risparmierebbe anche in ter­mi­ni ambi­en­tali, evi­tan­do di aggiun­gere allo smal­ti­men­to un altro rifi­u­to RAEE. Se invece il mod­el­lo è obso­le­to o il guas­to non con­sente la riparazione, per acquistare elet­trodomes­ti­ci ci sono diverse agevolazioni fis­cali, di recente pro­ro­gate per tut­to il 2022, con alcune con­ferme e novità su req­ui­si­ti e modal­ità di richi­es­ta del­lo sconto.

Come fun­ziona il bonus elettrodomestici

Il bonus mobili ed elet­trodomes­ti­ci è un’agevolazione fis­cale che con­sente di avere una detrazione Irpef del 50% sulle spese per l’ac­quis­to di mobili ed elet­trodomes­ti­ci su un tet­to di spe­sa mas­si­mo di 10.000 euro. Il bonus mobili viene riconosci­u­to solo per arre­di ed elet­trodomes­ti­ci nuovi e di classe non infe­ri­ore ad A per i forni, E per lava­tri­ci e lavas­toviglie, F per frig­oriferi e con­ge­la­tori. Per richiedere il bonus è nec­es­sario con­ser­vare tutte le prove d’ac­quis­to, che poi andran­no con­seg­nate all’A­gen­zia delle Entrate in fase di com­pi­lazione del­la dichiarazione dei redditi.

I req­ui­si­ti

Il bonus per l’ac­quis­to di elet­trodomes­ti­ci è ris­er­va­to a chi sta svol­gen­do lavori di ristrut­turazione edilizia, sia su una sin­go­la unità res­i­den­ziale sia nei condòmini.
Non può quin­di essere richiesto da tut­ti i con­tribuen­ti e gli acquisti devono essere effet­tuati nel 2022. Chi ha inizia­to i lavori di ristrut­turazione da gen­naio 2021, può comunque chiedere l’agevolazione, ma le date di acquis­to devono rien­trare nel­l’an­no corrente.
Lo scon­to si può richiedere anche quan­do i beni acquis­ta­ti sono des­ti­nati ad un edi­fi­cio dif­fer­ente rispet­to a quel­lo ogget­to di ristrut­turazione. Se si sta ristrut­turan­do invece una parte comune di un con­do­minio, il bonus non è con­ces­so per le unità immo­bil­iari, ma solo per le aree ogget­to del­l’in­ter­ven­to di ristrut­turazione e l’im­por­to totale viene sud­di­vi­so in base alle quote dei sin­goli condòmini.

La doc­u­men­tazione da presentare

La doc­u­men­tazione da pre­sentare include tutte le fat­ture dei paga­men­ti da effet­tuare con bonifi­co, car­ta di cred­i­to o finanzi­a­men­to a rate. Non è con­sen­ti­to il paga­men­to in con­tan­ti o l’asseg­no ban­car­io. Nel bonus rien­tra­no anche le spese di trasporto e mon­tag­gio che, per essere riconosciute, devono essere reg­is­trate come gli acquisti degli elet­trodomes­ti­ci o dei mobili. Per com­pletare la richi­es­ta di agevolazione è obbli­ga­to­rio comu­ni­care all’E­nea tut­ti i dati degli acquisti per i gran­di elettrodomestici.

Altri bonus per risparmi­are sul­l’ac­quis­to di elettrodomestici

Con la legge di bilan­cio 2022, sono entrati in vig­ore o sono sta­ti pro­ro­gati anche altri bonus che riguardano l’ac­quis­to di arre­di o elet­trodomes­ti­ci. C’è ad esem­pio il bonus sul­l’ac­quis­to del­la TV e del decoder, vis­to che nel 2022 cam­bier­an­no le fre­quen­ze del dig­i­tale ter­restre. L’agevolazione prevede un buono di 30€ per l’acquis­to di un decoder per famiglie con un Isee non supe­ri­ore a 20mila euro e uno scon­to del 20% fino ad un mas­si­mo di 100 euro per l’ac­quis­to di una smart TV. La novità del 2022 è quel­la di con­sen­tire ai pen­sion­ati con red­di­to bas­so di rice­vere diret­ta­mente a casa un decoder del val­ore di 30 euro in maniera gratuita.

Nessun Tag Trovato

Commenti

commenti