Una settimana di convegni e mostre di agricoltura con concorso di poesia per studenti. Nelle serate laboratorio del gusto, teatro e musica

L’olivo diventa una sagra

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Gerardo Musuraca

Tut­to pron­to per la nona edi­zione del­la fes­ta dell’olio e dell’oliva. Inizierà saba­to alle 10, nel­la sala con­sil­iare del castel­lo scaligero con la pre­sen­tazione del prog­et­to «Tra gli olivi i tesori di Tor­ri del Bena­co», la man­i­fes­tazione orga­niz­za­ta dall’amministrazione comu­nale, divenu­ta ormai appun­ta­men­to noto e apprez­za­to a liv­el­lo provin­ciale nell’ambito dell’olivicoltura. La rasseg­na quest’anno si pro­trar­rà fino a domeni­ca 25 gen­naio. «Per quest’appuntamento», com­men­ta il vicesin­da­co Daniela Per­oni, «a dif­feren­za del soli­to week-end, la fes­ta dell’olio e dell’oliva dur­erà un’intera set­ti­mana. Vis­to il cres­cente suc­ces­so delle pas­sate edi­zioni si è pen­sato di aggiun­gere alla mostra agri­co­la e al con­veg­no anche altri momen­ti cul­tur­ali». E così, oltre a escur­sioni gui­date alla grot­ta Tanel­la di Pai, recen­te­mente sis­tem­a­ta e resa agi­bile dal grup­po spele­o­logi­co man­to­vano, anche man­i­fes­tazioni ded­i­cate alla , al teatro, all’arte, alla musi­ca e all’editoria faran­no da con­torno alla rasseg­na. «Dal pun­to di vista cul­tur­ale», pros­egue Per­oni, «ver­rà pre­sen­ta­ta l’iniziativa Tra gli olivi i tesori di Tor­ri del Bena­co, una pre­sen­tazione di nove pieghevoli real­iz­za­ti sulle chiese dis­lo­cate sul ter­ri­to­rio comu­nale, ad eccezione del­la Par­roc­chiale. Ci sarà la pos­si­bil­ità di vis­itare, attra­ver­so due , sia le chiese a nord di Tor­ri, cioè quel­la di San Gre­go­rio e San Mar­co a Pai e di San Siro a Crero; sia quelle più a sud, quali San Fausti­no, Sant’Antonio e la San­tis­si­ma Trinità». Ric­ca di appun­ta­men­ti si pre­sen­ta un po’ tut­ta la set­ti­mana. Sem­pre saba­to, alle 15 nel­la sala mostre di viale fratel­li Lavan­da, ci sarà l’inaugurazione del­la rasseg­na L’olivo nell’arte, men­tre alle 21.30 inizierà una ser­a­ta musi­cale con l’emittente Radio Stu­dio Più di Lona­to, in provin­cia di Bres­cia. Domeni­ca, oltre alle escur­sioni gui­date e alla mostra agri­co­la, sarà di sce­na il gior­nal­ista e fidu­cia­rio per il Trivene­to di Slow Food, , con il suo Lab­o­ra­to­rio del gus­to, che prevede la degus­tazione di oli extravergi­ni e for­mag­gi tipi­ci men­tre in con­tem­po­ranea, al par­co del castel­lo scaligero, ci sarà il mer­cati­no di prodot­ti gas­tro­nomi­ci e arti­gianali. Per mer­coledì alle 20.30, in sala con­sil­iare, ci sarà la ser­a­ta ded­i­ca­ta alla poe­sia, con le pre­mi­azioni del­la pri­ma edi­zione del con­cor­so L’Olivo in poe­sia, ris­er­va­to ai ragazzi dai 15 anni in poi. «Ques­ta è una novità a cui teni­amo molto», sot­to­lin­eano in munici­pio, «e prevede la pro­duzione di com­po­sizioni in lin­gua ital­iana o in dialet­to, aven­ti per tema l’olivo. Una com­mis­sione di esper­ti val­uterà poi i lavori e mer­coledì ver­ran­no pre­miati i migliori». Giove­di alle 20.30, sem­pre in sala con­sil­iare, sarà la vol­ta del­lo show dell’attore notis­si­mo attore Rober­to Puliero, che pre­sen­terà San Zen che ride: cia­cole, poe­sie e per­son­ag­gi verone­si . Questo cer­ta­mente è uno dei momen­ti più atte­si per quel che con­cerne la cul­tura veronese, vista la bril­lante iro­nia dell’attore scaligero. Infine, ven­er­di alle 20.30, ci sarà il con­sue­to con­veg­no sul­la olivi­coltura, men­tre saba­to e domeni­ca, le due gior­nate con­clu­sive dei lavori e del­la man­i­fes­tazione, saran­no ded­i­cate ai con­cor­si per gli stu­den­ti delle scuole mater­ne, ele­men­tari e medie, alla visi­ta ai fran­toi e alla pre­sen­tazione del libro del pro­fes­sor Liv­io Parisi di Castel­let­to di Bren­zone, esper­to di itti­ca e , dal tito­lo Piat­ti di Lago . Stand gas­tro­nomi­ci, musi­ca flo­cloris­ti­ca con il grup­po I Cam­pa­nari del Diao­lo, la mostra-mer­ca­to delle attrez­za­ture agri­cole e la degus­tazione di bruschette con olio extravergine prodot­to a Tor­ri accom­pa­g­n­er­an­no le gior­nate prin­ci­pali del­la rassegna.

Parole chiave: