Ai famigliari il cordoglio di Ciampi

Lutto Malossini

14/01/2003 in Attualità
Di Luca Delpozzo

Il pres­i­dente Car­lo Azeglio Ciampi era venu­to a Riva nel­l’es­tate del 2001, il 7 di luglio, per tagliare il nas­tro del­la nuo­va Occi­den­tale. Sbar­ca­to dal piroscafo Italia pavesato a fes­ta in piaz­za Cate­na, era sta­to «trasci­na­to» in mez­zo alla fol­la in fes­ta ad ammi­rare il recu­per­a­to stem­ma di Gior­gio III sul­la fac­cia­ta est del munici­pio. Mal­ossi­ni in fas­cia tri­col­ore gli ave­va spie­ga­to il sig­ni­fi­ca­to del­l’An­zolim, issato in cima a torre Apponale, pri­ma che Ciampi par­tisse ver­so il du Lac per una cena con le mas­sime autorità del­la Regione. Il Pres­i­dente se n’è ricorda­to e l’e­spres­sione del cor­doglio, per­son­ale ed a nome del­la sig­no­ra Fran­ca, s’è col­orata, anche quel­la d’un calore fuori ordi­nan­za. Ieri alla sig­no­ra Rosari­ta è arriva­to un telegram­ma: «Con coster­nazione e dolore pro­fon­di ho appre­so la notizia del­l’im­provvisa scom­parsa di Cesare Mal­ossi­ni, sin­da­co di Riva del Gar­da. Ho avu­to occa­sione di conoscer­lo per­sonal­mente e ne ho potu­to apprez­zare il rig­ore nel por­si al servizio delle Isti­tuzioni del­la Repub­bli­ca e le doti di sim­pa­tia umana. In ques­ta cir­costan­za tan­to dolorosa, insieme a mia moglie Fran­ca, invio a lei, gen­tile sig­no­ra Rosari­ta, ed ai suoi figli l’e­spres­sione del mio com­mosso e partecipe cor­doglio».