Sinergie con Estonia, Bulgaria e Ungheria. Domani in convegno di presentazione

Paese dal respiro europeocol quadruplice gemellaggio

Di Luca Delpozzo
Luigi Del Pozzo

È sta­to pro­mosso dal comune di Padenghe il prog­et­to di inter­nazionale approva­to e finanzi­a­to dal­la Com­mis­sione Euro­pea e dal­la . Nell’ ambito del pro­gram­ma «Europa per i cit­ta­di­ni» il comune garde­sano è l’u­ni­co in regione ad essere entra­to nel prog­et­to: una impor­tante occa­sione di pro­mozione del ter­ri­to­rio e delle sue aziende.Padeghe stringerà scam­bi e rap­por­ti cul­tur­ali, tur­is­ti­ci, eco­nomi­ci con 4 cit­ta­dine europee: kaar­ma (Esto­nia), Kavar­na e Toshe­vo (Bul­gar­ia) e Szen­teu (Unghe­ria). L’ufficializzazione del gemel­lag­gio avver­rà attra­ver­so una serie di even­ti che si ter­ran­no a Padenghe da domani a giovedì, con la parte­ci­pazione di espo­nen­ti del mon­do eco­nom­i­co, politi­co ed isti­tuzionale dei pae­si gemellati.Domattina è in pro­gram­ma il con­veg­no ded­i­ca­to ai con­tribu­ti del­l’U­nione Euro­pea per gli inter­scam­bi cul­tur­ali tra enti pub­bli­ci, con la pres­ti­giosa parte­ci­pazione di espo­nen­ti del­la Direzione Gen­erale Cul­tura del­la com­mis­sione Euro­pea. «Obi­et­ti­vo prin­ci­pale del gemel­lag­gio – spie­ga , asses­sore ai a Padenghe – è quel­lo di gettare le fon­da­men­ta per la costruzione di una sta­bile e comune piattafor­ma di lavoro tra autorità locali ed europee, da cui pos­sa sca­turire, oltre all’avvio di per­cor­si uffi­ciali di gemel­lag­gio inter­nazionale, anche la real­iz­zazione di una serie di accor­di di pro­gram­ma tra i dis­tret­ti coin­volti e gli oper­a­tori del­la soci­età civile e dei set­tori pro­dut­tivi locali, per la pro­mozione dei ter­ri­tori, l’in­clu­sione sociale e la prog­et­tazione con­giun­ta tra i part­ners per l’u­ti­liz­zo sis­tem­ati­co e strut­tura­to di fon­di europei».Il Comune in qual­ità di pro­mo­tore del prog­et­to, intende por­si come catal­iz­za­tore a liv­el­lo ter­ri­to­ri­ale del­l’at­ten­zione sui temi europei e come attore prin­ci­pale del­la comu­ni­cazione sul ruo­lo ed il sig­ni­fi­ca­to del poten­ziale impat­to delle politiche europee.