Inizia oggi e si concluderà con lo spettacolo pirotecnico una rassegna enogastronomica particolarmente interessante

Qui si celebra l’ode al Groppello

05/09/2008 in Fiere
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Enrico Grazioli

C’è grande atte­sa per la nuo­va edi­zione del­la «Fiera di Pueg­na­go sul Gar­da», che quest’an­no com­pie trentadue anni e si pre­sen­ta con la con­sue­ta deter­mi­nazione nel­l’of­frire un panora­ma enogas­tro­nom­i­co com­ple­to del Gar­da bres­ciano. Arroc­ca­ta sulle colline moreniche con vista lago, aprirà i bat­ten­ti oggi alle 18 e li richi­ud­erà lunedì sera alle 23.30 con uno spet­ta­co­lo pirotec­ni­co dopo aver offer­to per quat­tro giorni Grop­pel­lo pro­pos­to da 28 can­tine, 100 grappe dalle tre Regioni bag­nate dal lago, 67 oli extravergine d’o­li­va Monocul­ti­var, tra cui il Casali­va, e piat­ti dai sapori tipi­ci del­la tradizione locale.Oggi alle 19 in castel­lo sarà taglia­to il nas­tro del­la trentadues­i­ma edi­zione e durante la cer­i­mo­nia inau­gu­rale saran­no con­seg­nati i pre­mi per il con­cor­so eno­logi­co «Grop­pel­lo d’oro» e «Grop­pe­lo d’oro Men­zion d’onore» e per il con­cor­so inter­re­gionale «Alam­bic­co del Gar­da», che pre­mierà le migliori grappe. L’aper­tu­ra uffi­ciale sarà antic­i­pa­ta alle 17 dal con­veg­no orga­niz­za­to dal Con­sorzio Gar­da Clas­si­co nel­la sala con­sil­iare del Comune, dove saran­no pre­sen­tati i risul­tati di un’indagine sul posizion­a­men­to di mer­ca­to dei pro­pri vini. Sarà anche l’oc­ca­sione ide­ale per illus­trare lo sta­to del­l’arte del­la ricer­ca sul Grop­pel­lo pro­mossa dal Cen­tro Vitivini­co­lo Provin­ciale di Bres­cia in col­lab­o­razione col Consorzio.«Il cam­mi­no intrapre­so dal Gar­da Clas­si­co dimostra che qui siamo dis­tan­ti anni luce dal­la con­cezione che oggi pare prevalere nelle strate­gie europee, che strap­pan­do vigneti impon­gono l’espansione dell’importazione da pae­si terzi di vini da indif­feren­ziati vit­ig­ni inter­nazion­ali che ben pos­sono trovare ospi­tal­ità in scat­ole di lat­ta e di car­tone — spie­ga il pres­i­dente del Gar­da Clas­si­co, -. Ecco per­chè le indi­cazioni rac­colte attra­ver­so la ricer­ca di posizion­a­men­to del prodot­to e, indi­ret­ta­mente, del ter­ri­to­rio, che pre­sen­ter­e­mo a Pueg­na­go pos­sono dare certezze o deter­minare svolte nel per­cor­so intrapreso».Durante la Fiera si potran­no degustare oli, grappe e vini. In cen­tro stori­co, quin­di, con un tick­et da 5 euro si ricev­erà un bic­chiere da degus­tazione e la pos­si­bil­ità di degus­tazioni com­para­te di oli e vini con­dotte da som­me­li­er in castel­lo e di assag­gi di Grop­pel­lo abbinati ai sapori tipi­ci lun­go «La Via del Grop­pel­lo», che si snoderà tra le con­trade del centro.Sarà aper­ta ven­erdì, saba­to e lunedì dalle 18 alle 23 e domeni­ca dalle 11 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 23. A pochi pas­si si tro­verà l’ «Hos­te­ria del­lo spiedo», aper­ta tutte i giorni a cena e domeni­ca anche a pran­zo. Lo spiedo con polen­ta sarà il pro­tag­o­nista e lo scor­so anno ne furono preparate 35mila prese, ma non mancher­an­no anche piat­ti come «pène col pöstöm» e «risot al Gropèl».Il cartel­lo del­la Fiera è ric­co. Tut­ti i giorni vi saran­no talk show o con­veg­ni, degus­tazioni gui­date, lab­o­ra­tori sul for­mag­gio e altri even­ti tra cui domeni­ca dalle 16 la sfi­la­ta dei car­ri del­la tradizione con­tad­i­na e lunedì un dibat­ti­to pro­mosso da Aipol sul­la val­oriz­zazione del ter­ri­to­rio da parte dell’olio.

Parole chiave: -