Approvata la trasformazione dell’ex albergo, ma la minoranza è scettica. Sarà alzato di un piano e sotto terra verranno ricavati posti auto

Sarà alzato di un piano e sotto terra verranno ricavati posti auto

23/02/2003 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
s.z.

Dopo Vil­la Ella, con il dei Gesù Bam­bi­no, di cui abbi­amo già par­la­to, il Con­siglio comu­nale di Gar­done Riv­iera ha approva­to il piano attua­ti­vo del­l’al­ber­go Cen­trale, a Fasano. Chiu­so da molti anni, l’ex hotel ver­rà trasfor­ma­to in res­i­dence. La «Wel­come Gar­da», soci­età pro­pri­etaria, ha affida­to la prog­et­tazione all’ar­chitet­to San­dro Berther, accettan­do di cedere al munici­pio il ter­reno anti­s­tante, di 1252 metri quadri. «Una buona parte del­l’area (912 mq.) sarà tenu­ta a verde, una pic­co­la fet­ta servirà per l’al­larga­men­to di via Reso­la, il resto sarà adibito a parcheg­gio — ha spie­ga­to il vicesin­da­co Euge­nio Mus­ciot­to che, nel­la cir­costan­za, ha sos­ti­tu­ito il sin­da­co Alessan­dro Baz­zani, costret­to a uscire dal­l’aula poichè cug­i­no di Berther -. I pri­vati real­izzer­an­no un’au­torimes­sa inter­ra­ta, con 26 posti, otto dei quali da cedere gra­tuita­mente al comune o da mon­e­tiz­zare. Questo parcheg­gio si rag­giungerà sca­v­an­do un tun­nel sot­to via Cipani. Le opere, com­pre­sa la ricostruzione dei muret­ti in pietra, dovran­no essere ese­gui­te entro quat­tro anni dal rilas­cio del­la con­ces­sione». L’ex Cen­trale sarà alza­to di un piano, pas­san­do da tre a quat­tro. Quel­lo a liv­el­lo del­la stra­da diven­terà com­mer­ciale (negozi). In segui­to l’op­er­azione si allargherà, fino a com­pren­dere l’im­mo­bile vici­no, delle ex scuole ele­men­tari, suc­ces­si­va­mente adib­ite a . Al piano ter­ra l’ed­i­fi­cio sarà ristrut­tura­to, in modo da accogliere l’am­bu­la­to­rio pub­bli­co, una sala poli­va­lente e l’uf­fi­cio postale. La parte sopras­tante diven­terà res­i­den­ziale, e cedu­ta ai pri­vati. L’op­er­azione, approva­ta dal­la mag­gio­ran­za, ha trova­to l’op­po­sizione del­la mino­ran­za. «E’ pro­fon­da­mente sbaglia­to con­cedere la trasfor­mazione di un alber­go, tan­to più che i pro­gram­mi elet­torali pun­ta­vano alla riva­l­u­tazione delle attiv­ità tur­is­tiche», ha dichiara­to il capogrup­po di Forza Italia, architet­to Gui­do Armelli­ni. Davide Calder­an, di An: «Il Savoy e il Gar­da Suisse sono rimasti chiusi ven­t’an­ni, dato che le prece­den­ti ammin­is­trazioni non han­no mai autor­iz­za­to il cam­bio di des­ti­nazione. E alla lun­ga i due immo­bili sono rinati, sem­pre come hotel». La vicen­da del Cen­trale si è trasci­na­ta a lun­go. Numerose le soluzioni pro­poste. La man­can­za di ampi spazi, sem­pre più nec­es­sari per offrire alla clien­tela un’ac­coglien­za di qual­ità, ha indot­to i pro­pri­etari a puntare sul­la res­i­den­za. Con­tro tale soluzione, in pas­sato sono state rac­colte firme tra i cit­ta­di­ni, e pre­sen­tate petizioni.

Parole chiave: -