La Regione ha trasferito la Formazione professionale a Palazzo di Bagno

Sarà la Provincia a occuparsi del Cfp

Di Luca Delpozzo
Castiglione delle Stiviere

Novità al Cen­tro di For­mazione Pro­fes­sion­ale, che dal gen­naio di quest’an­no, nel­l’am­bito del decen­tra­men­to oper­a­to in tema di for­mazione, non è più strut­tura del­la Regione. E’ pas­sato in cari­co all’asses­so­ra­to provin­ciale per il Lavoro e la For­mazione pro­fes­sion­ale, ret­to da Gio­van­ni Tosi. “Recen­te­mente, il cen­tro ha ottenu­to notevoli finanzi­a­men­ti — spie­ga Giu­liano Pietri­ni, respon­s­abile del Cfp — che han­no per­me­s­so la rior­ga­niz­zazione fun­zionale e logis­ti­ca degli ambi­en­ti e il poten­zi­a­men­to delle attrez­za­ture, con­dizione per una più effi­cace rispos­ta ai bisog­ni del­la for­mazione con­tin­ua. I cor­si diurni e ser­ali iniziano tra set­tem­bre e gen­naio. Ripro­poni­amo quest’an­no tutte le inizia­tive con­sol­i­date nei set­tori elet­tri­co-elet­tron­i­co, mec­ca­ni­co-autori­parazione, calzette­ria, arreda­men­to, Cad, automazione e Plc, sicurez­za sul lavoro, con­duzione gen­er­a­tori a vapore. Ma la costante atten­zione alle esi­gen­ze occu­pazion­ali del ter­ri­to­rio — pros­egue Pietri­ni — non solo ci ha sug­ger­i­to di ristrut­turare alcu­ni vec­chi cor­si, ma anche di ampli­are la pro­pos­ta for­ma­ti­va nei set­tori infor­mati­co, tur­is­ti­co, eno­logi­co e delle energie alter­na­tive”. L’uten­za del Cfp, fre­quen­ta­to lo scor­so anno da 337 allievi, spazia dai gio­vani che han­no assolto l’ob­bli­go sco­las­ti­co, ai lavo­ra­tori, anche non più gio­vani, che inten­dono acquisire mag­giori conoscen­ze nei loro ambiti, o che prog­et­tano un rad­i­cale cam­bi­a­men­to di set­tore. Infor­mazioni alla seg­rete­ria Cfp via Man­teg­na, 48: 0376/638547 dalle 8 alle 13 saba­to compreso.