Oggi e domani parco e dimora visitabili per Photo 2001

Si apre villa degli Albertini per chiudere la mostra di foto

07/09/2001 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Angelo Peretti

I can­cel­li del par­co del­la splen­di­da vil­la dei con­ti degli Alber­ti­ni, sim­i­le a un castel­lo, poco fuori dell’abitato, in direzione di pun­ta San Vig­ilio, tor­nano ad aprir­si per la fotografia. Era già accadu­to un anno fa, suc­cede nuo­va­mente oggi 7 e domani 8 set­tem­bre per gli ulti­mi due appun­ta­men­ti del­la sec­on­da edi­zione di Gar­da Pho­to, la rasseg­na di audio­vi­sivi fotografi­ci pro­pos­ta dal foto­club Lo Scat­to con il patrocinio dell’amministrazione comu­nale, del­la Provin­cia e del­la Regione, del­la Pro loco e dell’associazione alber­ga­tori. Le prece­den­ti ser­ate di ques­ta mara­tona fotografi­ca inizia­ta in mag­gio si era­no tenute nel cor­tile del nuo­vo munici­pio. Il gran finale tor­na invece a vedere gli spet­ta­tori nel vialet­to cin­to da sec­o­lari mag­no­lie, di fronte all’elegante fac­cia­ta del palaz­zo. Di sce­na saran­no due pro­tag­o­nisti del set­tore del­la mul­ti­vi­sione fotografi­ca ital­iana: il bolog­nese Luciano Bov­ina e il reg­giano Ivano Bolon­di. Entrambe le proiezioni avran­no inizio alle 21.15: l’ingresso è libero. In caso di piog­gia ci si spos­ta al palaz­zo dei con­gres­si. Bov­ina si è occu­pa­to di auto­mo­bilis­ti­ca e di immag­i­ni marine (è sta­to impeg­na­to su una nave oceanografi­ca) ed ha real­iz­za­to una trenti­na di doc­u­men­tari tele­vi­sivi. Ha all’attivo reportage fotografi­ci e cin­e­matografi­ci in una ses­san­ti­na di nazioni: alcu­ni tra i più inter­es­san­ti sono quel­li sul­la vita quo­tid­i­ana sui treni in Sud Amer­i­ca, sul­la tribù dei Wao­rani in Amaz­zo­nia, sui noma­di Wodaabe in Niger-Chad, sul lavoro nell’interno di un’infernale miniera d’argento in Bolivia. A Gar­da Pho­to 2001 pre­sen­ta un reportage ded­i­ca­to alla Nuo­va Zelan­da. Si inti­to­la «New Zealand, moment and mem­o­ry». Chi volesse ved­erne in antepri­ma qualche immag­ine può andare al sito inter­net www.lucianobovina.com Bolon­di è il diret­tore artis­ti­co di entrambe le man­i­fes­tazioni estive de Lo Scat­to: Gar­da Pho­to, appun­to, e l’Estate fotografi­ca di Tor­ri. Pluripremi­a­to in con­cor­si fotografi­ci, autore di vari volu­mi fotografi­ci, ha espos­to, oltre che in Italia, anche in Fran­cia, Giap­pone e Sta­ti Uni­ti. Viene con­sid­er­a­to uno dei maestri inter­nazion­ali del dia­po­ra­ma, il ter­mine con cui ven­gono iden­ti­fi­cate le proiezioni di dia­pos­i­tive com­men­tate da musiche e testi. Domeni­ca sera a Gar­da pro­pone due lavori, entram­bi ampia­mente rap­p­re­sen­ta­tivi del­la sua sen­si­bil­ità artis­ti­ca. Sono «Tribù» ded­i­ca­to all’ambiente e agli uomi­ni del­la Nuo­va Guinea, e «Noi del Nev­er Nev­er», un eccel­lente reportage sulle tradizioni e sui miti delle popo­lazioni abori­gene dell’Australia, qua­si sulle orme di Bruce Chatwin, let­ter­a­to-viag­gia­tore. Gar­da Pho­to, che si avvale del riconosci­men­to del­la Fiaf, la fed­er­azione delle asso­ci­azioni fotogra­fiche ital­iane, ha anche un obi­et­ti­vo benefi­co: come con l’Estate fotografi­ca tor­re­sana, anche nel caso del­la man­i­fes­tazione di Gar­da i fotoam­a­tori del­lo Scat­to han­no volu­to pub­bli­ciz­zare l’attività dell’Abeo, l’associazione del bam­bi­no emopati­co onco­logi­co. Trovan­do il con­vin­to sosteg­no degli stes­si autori invi­tati alle due rassegne.

Parole chiave:

Commenti

commenti