“Toujours a toi, seigneur”. La musica sacra francese da Gounod a Poulenc

08/06/2016 in Concerti
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

Sabato 11 giugno, alle 21,15, nella Chiesa Parrocchiale dei SS. Faustino e Giovita a Fasano del Garda,  l’appuntamento ad ingresso libero con il quinto concerto dei “Suoni e  Sapori del Garda”, rassegna itinerante organizzata  dall’Associazione Brixia Symphony Orchestra in collaborazione con la Comunità del Garda, il Comune di Gardone Riviera, la Parrocchia di Fasano, in collaborazione con la Strada dei Vini e dei Sapori del Garda: al termine del concerto, degustazione di vini offerta dalla Cantina “Il Roccolo” di Polpenazze. L’ingresso è libero.

Protagonista della serata è la musica sacra francese da Gounod a Poulenc, interpretata dall’Ensemble Arione in formazione femminile, con la collaborazione pianistica di Alberto Ranucci e la direzione di Luigi Marzola: il percorso musicale si snoda dagli inni sacri di Charles Gounod (Toujours a toi, Seigneur, Regina coeli, Sub tuum), alle preghiere di  Camille Saint-Saens (Ave Maria, Ave verum), O salutaris hostia i Delibes, Mater gratiae di il celeberrimo Cantique de Racine di Faurè,  la chanson Noel des enfantes di Cluade Debussy, per terminare con Ave Maria e Litanies a la Vierge noire di Francis Poulenc. Dopo il periodo rivoluzionario, il ripristino del culto nel 1803 in Francia porta a un rinnovamento della musica sacra – viene temporaneamente resuscitata la Chapelle (divenuta impériale), riaprono cantorie: la restaurazione del canto gregoriano e la creazione di uno specifico repertorio sacro si fonde nell’estetica romantica. Nel corso del secolo l’elemento spettacolare viene via via abbandonato a favore di un’espressione più eterea, segno di un trasferimento di religiosità dalla chiesa alla sala da concerto.

Alberto Ranucci, milanese, si è diplomato al conservatorio della sua città  con Chiaralberta Pastorelli, perfezionandosi poi con Badura Skoda. Svolge attività concertistica come solista e in formazioni da camera con un repertorio comprendente autori della tradizione, del ’900 storico e contemporanei. Dal 1996 insegna Pianoforte principale al Conservatorio di Brescia.

Luigi Marzola si è diplomato in Organo e in Pianoforte al Conservatorio di Milano  e in Direzione di Coro alla Civica Scuola. Ha frequentato corsi di formazione con Peter Erdei e Mark Brown, specializzandosi con Norbert Balatsch. Ha studiato canto con Margaret Hayward e repertorio vocale da camera, come pianista, con Dalton Baldwin. La sua eclettica attività artistica l’ha portato, in qualità di organista, continuista al fortepiano e al cembalo, pianista e direttore di coro, a collaborare con vari musicisti e registi teatrali di fama internazionale.  È Docente di Accompagnamento Pianistico al Conservatorio di Milano e Docente di Direzione di Coro presso il Conservatorio della Svizzera Italiana di Lugano.

 

Commenti

commenti