Un ballo in maschera inaugura il Festival del Nuovo Secolo

Di Luigi Del Pozzo

Ques­ta sera, ven­erdì 20 giug­no alle ore 21.00, pren­derà il via il Festi­val liri­co 2014 del­la di Verona con la nuo­va pro­duzione di Un bal­lo in maschera, melo­dram­ma in tre atti su musi­ca di e libret­to di Anto­nio Som­ma.

Il tito­lo, che man­ca dal cartel­lone are­ni­ano dal 1998, è pro­pos­to con regia, scene e cos­tu­mi ideati da Pier Lui­gi Pizzi, light­ing design di Vin­cen­zo Raponi e core­ografia di Rena­to Zanel­la.

Tor­na sul podio dell’Orchestra dell’Arena, per il ter­zo anno con­sec­u­ti­vo, il gio­vane diret­tore veronese Andrea Bat­tis­toni.

Repliche: 27 giug­no ore 21.00; 11, 19, 24, 31 luglio ore 21.00 e 8 agos­to ore 20.45.


Un bal­lo in maschera
è per il mae­stro Pizzi una delle opere ver­diane predilette, di un Ver­di maturo, con­sapev­ole, che ha già res­pi­ra­to l’aria di Pari­gi.

«La sua musi­ca si è raf­fi­na­ta e arric­chi­ta per una mer­av­igliosa sto­ria d’amore, che ha avu­to altri prece­den­ti nel­la sua lun­ga car­ri­era di com­pos­i­tore, ma che qui si esprime ad un liv­el­lo par­ti­co­lar­mente alto», affer­ma il reg­ista, scenografo e cos­tu­mista milanese, che con l’Arena di Verona van­ta un rap­por­to par­ti­co­lar­mente lun­go e felice. Pizzi infat­ti nel 1969 fir­ma­va le scene e i cos­tu­mi di quel­la Turan­dot ed i cos­tu­mi di quel Don Car­lo che han­no vis­to debuttare nell’anfiteatro scaligero i nomi immor­tali di Plá­ci­do Domin­go, Bir­git Nils­son e Montser­rat Cabal­lé.

Per inau­gu­rare il Fes­ti­val liri­co 2014 Pier Lui­gi Pizzi pro­pone un alles­ti­men­to di Un bal­lo in maschera che riflette un prog­et­to clas­si­co per l’ambientazione amer­i­cana, con un’unica licen­za: la vicen­da viene col­lo­ca­ta nel tar­do Set­te­cen­to, invece del Sei­cen­to indi­ca­to dal libret­to, in favore di una scenografia mon­u­men­tale e neo­clas­si­ca che meglio si adat­ta ai gran­di spazi are­ni­ani e che sa resti­tuire una sen­sazione austera e mal­in­con­i­ca, che rispec­chia la carat­ter­iz­zazione del pro­tag­o­nista che vi abi­ta. Ric­car­do infat­ti sec­on­do il reg­ista «è un eroe pre­roman­ti­co», che vive in uno sta­to di smar­ri­men­to e di rimpianto per un ide­ale politi­co di armo­nia che non è rag­giun­gi­bile, così come impos­si­bile sa essere l’amore che lo infi­amma di pas­sione.

La vicen­da, ambi­en­ta­ta a Boston, rac­con­ta di un mar­i­to che uccide per un pre­sun­to tradi­men­to l’amico, rivale in amore. La bel­la Amelia è infat­ti ama­ta da due uomi­ni, fra loro gran­di ami­ci: il con­te Ric­car­do, gov­er­na­tore del Mass­a­chu­setts, e Rena­to, seg­re­tario di Ric­car­do e mar­i­to di Amelia. Lei sarà per tut­ta l’opera divisa tra la ten­tazione di cedere alla pas­sione ed il rispet­to del dovere coni­u­gale. Tra le pro­fezie del­la maga Ulri­ca, gli incon­tri not­turni fra gli aman­ti, le cospi­razioni dei con­giu­rati ed i prog­et­ti di vendet­ta, si alter­nano un’ironica deri­sione del des­ti­no e una pas­sione sof­fer­ta, fino al fes­tante bal­lo finale che lascerà rap­i­da­mente svol­ger­si la trag­i­ca con­clu­sione del dram­ma.

La sera del­la Pri­ma daran­no voce ai pro­tag­o­nisti del dram­ma ver­diano: Hui He nel ruo­lo di Amelia, Francesco Meli in Ric­car­do, Luca Sal­si nei pan­ni di Rena­to; Elis­a­bet­ta Fio­r­il­lo sarà la maga Ulri­ca, men­tre Ser­e­na Gam­beroniinter­preterà Oscar, il gio­vane pag­gio di Ric­car­do.

Com­ple­tano il cast William Cor­rò nei pan­ni del con­giu­ra­to Sil­vano e Seung Pil Choi in Samuel; Deyan Vatchkov sarà Tom, Anto­nio Fel­trac­co un giu­dice e Save­rio Fiore un ser­vo di Amelia.

Impeg­nati Orches­tra, Coro, Cor­po di bal­lo e Tec­ni­ci del­la Fon­dazione Are­na di Verona, insieme a mimi e com­parse. Pri­mi bal­leri­ni: Alessia Gel­met­ti ed Evghenij Kurt­sev.

L’evento del­la Ser­a­ta Inau­gu­rale del Fes­ti­val del Nuo­vo Sec­o­lo, il 20 giug­no, sarà ripreso dalle tele­camere di Clas­si­ca HD (Sky, canale 138), per andare in onda saba­to 28 giug­no 2014 dalle ore 21.10 in esclu­si­vaper tut­ti i cli­en­ti Sky.