Tordi, merli e fringuelli cantano la primavera. La gara all’alba tra 315 esemplari ha richiamato molti curiosi

Edizione straordinaria della sagra dei osei

09/04/2003 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Alvaro Joppi

Un gran suc­ces­so quel­lo riscos­so dal­la sagra dei osei di Cisano che ha pro­pos­to, per la pri­ma vol­ta nel­la sua ultra­cen­te­nar­ia sto­ria, un’edizione pri­maver­ile. Più di 300 infat­ti gli esem­plari di tor­do, mer­lo bot­tac­cio e sas­sel­lo, allodola, fringuel­lo e tor­di­na che han­no aper­to con l’appuntamento di Cisano la sta­gione cano­ra dei con­cer­ti ded­i­cati alle pri­ma­vere dei pen­nu­ti. «Un suc­ces­so tec­ni­co che va oltre il pre­vis­to», ammette sod­dis­fat­to Alber­to Sal­vetti, il pres­i­dente dell’associazione sagra dei osei che da diver­si anni, con il patrocinio di Comune e Provin­cia, è impeg­na­ta a rin­no­vare una man­i­fes­tazione lega­ta alle tradizioni. Incon­tri, come tutte le gare ded­i­cate agli uccel­li, che stan­no riscuo­ten­do notevoli con­sen­si di pub­bli­co dopo l’entrata in vig­ore delle dis­po­sizioni di legge a pro­tezione e sal­va­guardia dei pen­nu­ti. «Un pri­mo esper­i­men­to di gara tec­ni­ca pura, questo pri­maver­ile», pre­cisa Sal­vetti, «che era ris­er­va­to agli all­e­va­tori e appas­sion­ati è diven­ta­to un test impor­tante». La con­fer­ma è arriva­ta con le 315 gab­bie, con altret­tan­ti esem­plari di pen­nu­ti ben pro­tet­ti, esposte nel­la zona del lun­go­la­go Riva Palafitte di Cisano. Gara inizia­ta alle prime luci dell’alba di domeni­ca e con­clusasi pri­ma che la mat­ti­na­ta venisse guas­ta­ta dall’arrivo del fred­do. «Siamo sta­ti for­tu­nati», sor­ride il bar­b­u­to pres­i­dente ora impeg­na­to a met­tere in moto l’appuntamento dell’8 set­tem­bre. Gior­na­ta quel­la cisanese che ha vis­to abbina­ta anche la gara cam­pa­naria inter­provin­ciale Pieve di Cisano con la parte­ci­pazione di una quindic­i­na di squadre a sis­tema veronese, vicen­tine, padovane e man­to­vane, con pri­mo pre­mio asseg­na­to alla com­pagine di Marzana. Pre­mi­azione avvenu­ta, quel­la cano­ra, al mat­ti­no alla pre­sen­za dell’assessore provin­ciale alle Politiche mon­tane Truzzi, dell’europarlamentare Ser­gio Berla­to, del sin­da­co Arman­do Fer­rari e di buona parte del­la giun­ta comu­nale. Questi i pr emiati del­la gara cano­ra: Tor­do bot­tac­cio : Clau­dio Fran­coni di Bres­cia, Gian­fran­co Muc­chet­ti, Ren­zo Pagot­to, Ste­fano Lanci­ni, Beni­amino Orizio e Nico­la Ben­venu­ti. Tor­do sass ello: Gio­van­ni Bersani di Bres­cia, Ren­zo Pagot­to, Ste­fano Sbresi­ni, Clau­dio Toni­at­ti, Alfre­do Toni­at­ti, Nico­la Ben­venu­ti. Mer­lo : Anto­nio Balos­so di Vicen­za, Anto­nio Moro, Sev­eri­no Gau­den­zi, Pietro Bor­sari­ni, Lui­gi Mod­e­na. Prispolone: Anto­nio Gerosa, Como, Fed­eri­co Spillare, Ame­lio Man­za­ti, Lucio Gau­den­zi. Allodola: Ful­vio Parisi di Lec­co, Angela Beschi, Mario Val­lonci­ni, Alfre­do Toni­at­ti, Nico­la Ben­venu­ti, Clau­dio Toni­at­ti, Ramon Andreoli, Pietro Iselle, Giuseppe Pinali. F ringuel­lo: Umber­to Asna­go di Como, Nico­la Ben­venu­ti, Ren­zo Pagot­to, Pao­lo Grot­ta, Daniele Lanci­ni.