Incuranti del gelo, i volontari del gruppo folkloristico La Carata di Polpenazze tornano in scena oggi pomeriggio per una delle ultime repliche del Presepe Vivente

La Carata ripropone il presepio vivente

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
c.a.

Incu­ran­ti del gelo, i volon­tari del grup­po folk­loris­ti­co La Cara­ta di Polpe­nazze tor­nano in sce­na oggi pomerig­gio per una delle ultime repliche del Vivente, che ha per cor­nice il castel­lo medievale del cen­tro valte­n­esino. Com­ple­ta­mente rin­no­va­to rispet­to alle pas­sate edi­zioni, e nuo­va­mente in cartel­lone dopo un anno di pausa, il pre­sepe vivente è sta­to inau­gu­ra­to nel­la notte di , subito dopo la mes­sa di mez­zan­otte, e ha in pro­gram­ma anco­ra tre pomerig­gi di rap­p­re­sen­tazione: si com­in­cia per l’ap­pun­to oggi, e si repli­ca il 1 e il 6 gen­naio, giorno in cui la Cara­ta rap­p­re­sen­terà anche l’ar­ri­vo dei Re Magi con sfi­la­ta nel cen­tro stori­co. Il tut­to coin­volge cir­ca una set­tan­ti­na di com­parse, impeg­nate soprat­tut­to, come nel­lo stile del grup­po, a riportare la memo­ria sug­li antichi mestieri rurali del bas­so Gar­da. L’o­rario d’in­gres­so è tra le 14.30 e le 18.30: l’in­gres­so è gra­tu­ito, con bevande calde e offer­ta lib­era che ver­rà devo­lu­ta in beneficenza.

Parole chiave: