Sorveglianza prima delle lezioni e scuolabus: tutto resta gratuito

La Giunta investe nell’istruzione

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

E’ sta­to approva­to, a Toscolano Mader­no, il piano per il dirit­to allo stu­dio 2001-02. L’Am­min­is­trazione comu­nale spenderà 387 mil­ioni, una venti­na più del­l’an­no scor­so. Fabio Bel­loni, l’asses­sore alla Pub­bli­ca istruzione, ha elen­ca­to i servizi svolti: dal­la men­sa («è fre­quen­ta­ta da 160 ragazzi delle Ele­men­tari e 50 delle Medie, pagano 5.700 lire al pas­to, e le altre 1.500 lire le inte­gri­amo noi alla coop­er­a­ti­va che li for­nisce, di con­seguen­za res­ta a nos­tro cari­co il 30% del cos­to») ai trasporti («garan­ti­amo il viag­gio gra­tu­ito per tut­ti i bam­bi­ni che abi­tano nelle frazioni e devono rag­giun­gere il capolu­o­go, siamo rimasti l’u­ni­co paese del Gar­da a non far pagare nul­la, la spe­sa com­p­lessi­va è di 135 mil­ioni»). Per il resto, il munici­pio inte­gra le rette delle mater­ne per le fasce più deboli (la quo­ta ordi­nar­ia sarebbe di 240 mila lire al mese, ma viene ridot­ta in base al red­di­to); effet­tua la sorveg­lian­za gra­tui­ta per l’in­gres­so antic­i­pa­to rispet­to all’o­rario di inizio delle lezioni; for­nisce i lib­ri di testo (gratis alle ele­men­tari, con rim­bor­so da parte del­lo Sta­to, men­tre alle medie l’aiu­to viene con­ces­so alle famiglie con red­di­ti infe­ri­ori ai 30 mil­ioni); dis­tribuisce . «Finchè avre­mo la forza finanziaria, con­tin­uer­e­mo a man­tenere queste agevolazioni — ha aggiun­to il sin­da­co Pao­lo Ele­na -. Vor­rei ricor­darvi, ad esem­pio, che alcune local­ità del lago fan­no pagare l’asi­lo il doppio». E’ pas­sato anche il piano socio-assis­ten­ziale, illus­tra­to dal vicesin­da­co Vin­cen­zo Chi­mi­ni. «L’ul­ti­mo, del ’91, venne boc­cia­to dal­l’Ore­co — ha det­to Chi­mi­ni -. Da allo­ra non è più sta­to pre­sen­ta­to. Il nuo­vo si carat­ter­iz­za per le aree su cui pun­ta: gli anziani (con l’as­sis­ten­za domi­cil­iare e il tele­soc­cor­so, svolto in col­lab­o­razione coi ), i minori (il pun­to di ascolto, il Cred, cen­tro ricre­ati­vo educa­ti­vo, ecc.), i dis­abili, il sosteg­no a chi è in dif­fi­coltà, sot­to for­ma di rim­bor­so dei tick­et san­i­tari, di allog­gi affit­tati a canone ridot­to e quan­t’al­tro». Sem­pre nel­l’ul­ti­ma riu­nione, il Con­siglio ha esam­i­na­to una serie di rego­la­men­ti, approvan­do defin­i­ti­va­mente un paio di lot­tiz­zazioni, da 7 mila metri cubi cias­cu­na (del­la soci­età «Belvedere» sul monte e del­la coop­er­a­ti­va «Il foco­lare» a Gaino).

Parole chiave: