Non a caso la presidente del consiglio comunale e della commissione pari opportunità Maria Ida Germontani ha comunicato, in occasione dell'8 marzo, i primi risultati dell'indagine

Lavoratrici ma poco imprenditrici

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Sergio Mari

Non a caso la pres­i­dente del con­siglio comu­nale e del­la com­mis­sione pari oppor­tu­nità Maria Ida Ger­mon­tani ha comu­ni­ca­to, in occa­sione dell’8 mar­zo, i pri­mi risul­tati del­l’indagine «La don­na, l’oc­cu­pazione ed il lavoro», com­mis­sion­a­ta alla Mds Con­sult­ing di , per avere una situ­azione attendibile del piane­ta lavoro al fem­minile e pot­er pro­gram­mare adeguati inter­ven­ti di sosteg­no. L’in­tero rap­por­to ver­rà uffi­cial­mente pre­sen­ta­to invece saba­to 24 mar­zo, alle ore 10, al palaz­zo del tur­is­mo. E’ sta­to inter­vis­ta­to un cam­pi­one di 700 donne,divise in fasce d’età. A Desen­zano il 61.38 per cen­to del­la popo­lazione fem­minile lavo­ra: il 37.9% nel set­tore pub­bli­co, il 51.3 nel set­tore pri­va­to, il 10.8 ha un lavoro autonomo. Il 27% sono le lavo­ra­tri­ci con con­trat­ti a part time. Va scom­paren­do invece il lavoro artigiano,che con­ta solo lo 0.8% del­la forza lavoro. Il mercato,specie nelle posizioni alte, risul­ta sta­ti­co e la poca mobil­ità è riv­ol­ta ad un miglio­ra­men­to. Com­p­lessi­va­mente le inter­vis­tate sono sod­dis­fat­te del­la pro­pria con­dizione lavo­ra­ti­va. C’è poi il 38.6% delle desen­zane­si che non lavo­ra (di queste qua­si il 75% sono casalinghe).

Parole chiave: