Quattrocento vetture nel nuovo parcheggio

Nella zona del campo sportivo

Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

Sarà un autun­no davvero «cal­do» quel­lo del set­tore delle opere pub­bliche: ulti­ma­ta, infat­ti, da alcune set­ti­mane la pavi­men­tazione in por­fi­do di piaz­za Bet­teloni, anti­s­tante il munici­pio, l’Amministrazione comu­nale si pres­ta a dare il via ad una serie di impor­tan­ti inter­ven­ti. Il pri­mo in ordine crono­logi­co è il boc­cio­dro­mo di via Ragazzi del ’99, nel­la zona degli impianti sportivi di San Benedet­to: l’inizio lavori è di questi giorni, nove mesi il tem­po pre­vis­to per ulti­mare la strut­tura dal cos­to com­p­lessi­vo di un mil­iar­do e mez­zo (derivante da parte del real­iz­zo del­la ven­di­ta di un ter­reno in local­ità Piop­pi). Il prog­et­to prevede la costruzione di quat­tro campi rego­la­men­tari dotati di tri­buna, una sala indipen­dente in gra­do di ospitare un centi­naio di posti a sedere e servizi in gra­do di fare del boc­cio­dro­mo un vero e pro­prio cen­tro di aggregazione. Nove­cen­to mil­ioni cir­ca, qua­si intera­mente cop­er­ti da un finanzi­a­men­to regionale, costerà il nuo­vo parcheg­gio del cen­tro stori­co in zona cam­po sporti­vo: 400 posti auto dotati di mar­ci­apiede che col­legherà l’area con Por­ta Bres­cia, di cui sarà risis­tem­a­ta la recinzione. Mar­ci­apie­di anche per via e via degli Alpi­ni (700 mil­ioni cir­ca) e rifaci­men­to dell’illuminazione di via Marzan, via Man­to­va e via Mon­zam­bano, con una spe­sa di poco più di due­cen­to mil­ioni. Cen­to mil­ioni saran­no imp­ie­gati per il pri­mo stral­cio dei lavori di recu­pero dell’ex macel­lo che sarà uti­liz­za­to come mag­a­zz­i­no comu­nale; già pro­gram­ma­to anche l’ampliamento del cimitero del Frassi­no, con la real­iz­zazione di 150 loculi. Dopo l’allargamento del ponte del­la fer­rovia di via Man­to­va, un prog­et­to cura­to dai tec­ni­ci del Comune e che ha por­ta­to alla costruzione di un mar­ci­apiede in un trat­to altri­men­ti molto peri­coloso per i pedoni, sono pron­ti a par­tire due analoghi inter­ven­ti, deliberati nell’ultimo Con­siglio comu­nale per una spe­sa di 350 mil­ioni: il ponte San Gio­van­ni, sul Canale di Mez­zo, in pieno cen­tro stori­co, e il ponte del­la Dogana, ver­so l’autostrada; quest’ultimo lavoro sarà com­ple­ta­to dal­la sis­temazione dei gia­r­di­ni di Largo Mari­na. E se per l’impegnativo elen­co sino­ra descrit­to l’iter buro­crati­co è ormai pron­to a cedere il pas­so ai cantieri, non si pos­sono dimen­ti­care i due sig­ni­fica­tivi prog­et­ti, ubi­cati a Por­to Vec­chio, che sono in fase non anco­ra così avan­za­ta: l’inizio delle trat­ta­tive per l’acquisizione del ter­reno dove sorg­er­an­no i due nuovi campi da cal­cio, inter­ven­to per il quale sono sta­ti intan­to des­ti­nati set­te­cen­to mil­ioni; la prog­et­tazione delle nuove scuole ele­men­tari, incar­i­co vin­to dal­lo stu­dio Aden­ti di Cre­mona che si è, per così dire, già mes­so al lavoro. Un autun­no, come si dice­va, den­so di attiv­ità, inclu­so il sec­on­do stral­cio di illu­mi­nazione delle mura storiche, un prog­et­to cui l’amministrazione lavo­ra da tem­po e per il quale ha final­mente trova­to il gius­to part­ner tecnico.

Parole chiave: -

Commenti

commenti