Premi e celebrità per il Lugana DOC

Di Luca Delpozzo
Luigi Del Pozzo

Nonos­tante il mon­do vico­lo inter­nazionale abbia in questi giorni riv­olto, gius­ta­mente, il pro­prio inter­esse ver­so Vini­taly, il salone inter­nazionale vini­co­lo di Verona, al Lugana DOC con­tin­u­ano ad essere asseg­nati riconosci­men­ti ed atten­zioni da parte di con­cor­si, a liv­el­lo nazionale ed inter­nazionale, altret­tan­ti importanti.È il caso del­la Mostra Nazionale dei Vini di Pra­m­ag­giore di Venezia che nei giorni scor­si ha provve­du­to, attra­ver­so appo­site giurie a con­ferire ai migliori vini in asso­lu­to pre­mi ed enco­mi vari. Pro­prio al Lugana DOC, vendem­mia 1988, del­la Proven­za di Desen­zano del Gar­da è sta­to asseg­na­to il pre­mio Medaglia d’Oro — Distinzione.Anche all’Azienda LA Care­ga — Can­ti­na Marang­o­na Pra­m­ag­giore ha con­fer­i­to il Diplo­ma Medaglia d’Oro di Gran Mer­i­to al Lugana DOC Il rin­toc­co 1997. Pre­mi impor­tante, che ver­ran­no uffi­cial­mente con­seg­nati il prossi­mo 16 aprile, e che van­no ad aggiunger­si ai moltepli­ci che le Azien­da, pro­dut­trice di vini Lugana DOC, da anni van­no ormai collezionando.Una rac­col­ta di riconosci­men­ti per il Lugana DOC che sicu­ra­mente carat­ter­izzerà anche ques­ta edi­zione del Vini­taly vista la con­tin­ua asce­sa nel­la qual­ità che gli stes­si pro­dut­tori riescono a con­fer­mare alle loro pro­duzioni ogni anno sem­pre di più.Ma anche un altro filone pro­mozionale è sta­to in questi giorni segui­to, attra­ver­so il Lugana DOC, da un’azienda asso­ci­a­ta al Con­sorzio Tutela: la Fratel­li Frac­caroli di Peschiera del Gar­da. Sua infat­ti l’idea di accom­pa­gnare la mostra itin­er­ante, attual­mente ospi­ta­ta pres­so la ex sede del palaz­zo comu­nale di Piaz­za Car­duc­ci di Sirmione, ded­i­ca­ta al trenten­nale di car­ri­era di Katia Ric­cia­rel­li. Una mostra che rimar­rà aper­ta sino a tut­to il 9 mag­gio prossi­mo dopodiché sarà ospi­ta­ta a Roma, Milano, Paler­mo, Venezia, Mal­ta, Cipro, Tokyo, New York. Per tutte queste cel­e­brazioni infat­ti il vino uti­liz­za­to per i vari brin­disi augu­rali e di cer­i­mo­nia, ma non solo, sarà il Lugana DOC dell’Azienda di Peschiera.E per ques­ta occa­sione è sta­ta cre­a­ta un’apposita etichet­ta, divenu­ta già ogget­to di collezion­is­mo, raf­fig­u­rante l’immagine uffi­ciale del cat­a­l­o­go e la dic­i­tu­ra Lugana DOC. Una sor­ta di esclu­si­va che oltre ad essere un binomio di garanzia, e pro­fes­sion­al­ità porterà in giro per il mon­do i nomi acco­mu­nati di Ric­cia­rel­li Lugana e Sirmione. Un trit­ti­co che trent’anni orsono fu tes­ti­mone pro­tag­o­nista del decol­lo di una sfol­go­rante car­ri­era del­la ora famo­sis­si­ma sopra­no inter­nazionale e che oggi li rivede assieme in occa­sione appun­to del trenten­nale di car­ri­era del­la Sig­no­ra Ric­cia­rel­li, in Bau­do (Pip­po).