Molti fanno la fila all’ufficio postale, ma i comuni hanno deciso lunghe proroghe. Come comportarsi con le rate dei mutui

Ici, nessuna corsa: ci sono le deroghe

18/12/2004 in Attualità
Di Luca Delpozzo
se.za.

Sta­mat­ti­na, a Salò, ritor­na il mer­ca­to, dopo tre set­ti­mane di stop. Gli ambu­lan­ti sis­te­mer­an­no i loro banchi (ben 204) nel piaz­za­le Mar­tiri del­la Lib­ertà, la vec­chie sede. E vi rester­an­no sino al 31 gen­naio. C’è poi da risol­vere il nodo lega­to alla nor­ma­ti­va regionale, che vieta di tenere mer­cati saba­to 25 dicem­bre (Natale) e sette giorni dopo (). Non sap­pi­amo se il Pirellone con­ced­erà una dero­ga, in modo da svol­ger­lo domeni­ca 26. Ricor­diamo che, dopo tan­ti anni, i banchi era­no sta­ti trasfer­i­ti in cen­tro stori­co, lun­go il per­cor­so Fos­sa — torre del­l’orolo­gio — via Brunati — por­ta del Carmine, per 1.200 metri lin­eari. Rite­nen­do, però, che non esis­tano le con­dizioni di sicurez­za, e doven­do tenere lib­era la stra­da più impor­tante, si è deciso (provvi­so­ri­a­mente) di tornare all’an­ti­co. IL NODO DELLICI. Il decre­to gov­er­na­ti­vo che ha proclam­a­to lo sta­to di emer­gen­za con­sente lo slit­ta­men­to al 22 dicem­bre nel paga­men­to delle imposte. Ma ogni local­ità può decidere diver­sa­mente. Gli ammin­is­tra­tori comu­nali di Salò, ad esem­pio, han­no scel­to di rin­viare l’I­ci al 31 gen­naio, quel­li di Gar­done Riv­iera al 28 feb­braio (e la tas­sa dei rifiu­ti dal 30 novem­bre al 31 gen­naio). Ai pri­vati non viene inoltre appli­ca­ta la tas­sa di occu­pazione delle aree per i lavori di sis­temazione degli edi­fi­ci, in segui­to al ter­re­mo­to. Da notare che quan­ti han­no rice­vu­to dal sin­da­co l’or­di­nan­za di inag­i­bil­ità totale del­la loro abitazione pagher­an­no il 100% del­l’I­ci dal 1 gen­naio 2004 fino al giorno del­lo sgombero, e il 50% per il peri­o­do suc­ces­si­vo (fino al 31 dicem­bre). I comu­ni potreb­bero comunque stu­di­are un’ul­te­ri­ore ridefinizione dei para­metri di cal­co­lo. Intan­to c’è chi affol­la gli uffi­ci postali, con­vin­to di dover pagare entro il 20 dicem­bre, ma non è il caso. A tale propos­i­to occor­rerebbe una mag­giore infor­mazione (ci sono addirit­tura dei con­sulen­ti che sol­lecitano i loro cli­en­ti). I MUTUI DELLA CASA. Tra i numerosi prob­le­mi da risol­vere, c’è quel­lo dei finanzi­a­men­ti già ottenu­ti dalle famiglie con ipote­ca sulle case ora inag­i­bili. Il sin­da­co Giampiero Cipani invi­ta «gli sfol­lati che si trovano in dif­fi­coltà a sostenere gli oneri del mutuo a seg­nalare la loro posizione, con il nome del­la ban­ca e gli estre­mi. L’am­min­is­trazione comu­nale si farà cari­co di richiedere agli isti­tu­ti di cred­i­to di pos­tic­i­pare il paga­men­to delle rate, o altre agevolazioni». Per giovedì 23 è sta­to fis­sato un incon­tro con i diret­tori delle fil­iali locali. IL COMMERCIO E I SALDI. Nei negozi delle dieci local­ità più col­pite dal sis­ma (Gar­done Riv­iera, Gavar­do, Odolo, Pre­seglie, Roè Vol­ciano, Sab­bio Chiese, Salò, San Felice del Bena­co, Toscolano-Mader­no, Vestone, Vobarno, Vil­lan­uo­va sul Clisi) pros­eguono le ven­dite stra­or­di­nar­ie. Ma i con­suma­tori com­pra­no poco. Da qui l’ap­pel­lo lan­ci­a­to in un incon­tro al Vit­to­ri­ale da Cor­ra­do, il bar­bi­ere di via Fan­toni che ave­va fat­to venire “Striscia la notizia”. «Par­lo a nome di arti­giani e com­mer­cianti — ha det­to Cor­ra­do -. Nonos­tante le pro­mozioni, si vende poco. Invi­ti­amo la gente a tornare sul lago». LE INIZIATIVE PRO-TERREMOTATI. Domani in occa­sione del­la Fes­ta del tartu­fo nero e dei prodot­ti bio­logi­ci (a Salò, davan­ti al Palaz­zo comu­nale e nelle vie del cen­tro stori­co), si esi­bi­ran­no numerosi grup­pi musi­cali: il coro di voci bianche del­l’Ac­cad­e­mia S.Carlo, diret­to da Olga Der­melo­va (ore 10.45, in piaz­za Duo­mo), la Fan­fara degli (ore 12, in piaz­za Vit­to­ria), le corali “Mulieris Vox” e “Mar­co Enri­co Bossi” (dalle ore 15 in via S.Carlo, sot­to la stat­ua del Bor­romeo). La ban­da “Sinus Felix” e la corale “Ad Libi­tum”, dirette da Gior­gio Gia­co­mi­ni, eseguiran­no la Mis­sa Bre­vis di Jacob de Haan (ore 16 in piaz­za Duo­mo). L’o­bi­et­ti­vo è di pro­muo­vere la rac­col­ta fon­di lan­ci­a­ta dal munici­pio, con ver­sa­men­ti sul con­to cor­rente postale n° 59734921.