Paolo Chimeri: musicista lonatese

05/04/2019 in Attualità
Parole chiave: - - -
Di Redazione

Pao­lo Chimeri (Lona­to, 26 mag­gio 1852 — Bres­cia, 4 aprile 1934) per molti lonate­si è il nome di una via in cui spes­so si pas­sa per­chè col­lo­ca­ta in una parte molto popolosa del paese e molti di questi non si pon­gono il prob­le­ma di chi potesse essere questo sig­nore, così impor­tante da dedi­car­gli una via non solo nel suo paese , ma anche a Bres­cia a San­t’Eufemia.

Pao­lo visse in un peri­o­do molto impor­tante per sto­ria d’I­talia e in una zona, quel­la del bas­so , che di ques­ta sto­ria rap­p­re­sen­ta uno dei prin­ci­pali siti in cui si sono svolte quelle vicende risorg­i­men­tali con­fluite poi le pri­mo con­flit­to mon­di­ale.

Come tut­ti i gran­di per­son­ag­gi la sen­si­bil­ità del nos­tro concit­tadi­no lo portò a con­frontar­si con gli even­ti che sta­vano avve­nen­do intorno al pro­prio paese e non si sot­trasse a vivere il suo peri­o­do stori­co cer­can­do di prodi­gar­si al meglio per capir­li e ren­der­si utile sec­on­do le pro­prie dec­li­nazioni per­son­ali.

Queste dec­li­nazioni era­no stret­ta­mente legate al mon­do del­la musi­ca ed in questo set­tore entrò a pieno tito­lo nelle vicende risorg­i­men­tali tenen­do un con­cer­to nel 1859, a soli 7 anni, per i fer­i­ti del­la battaglia si San Mar­ti­no e Solferi­no che toc­cò anche il ter­ri­to­rio di Lona­to alla frazione di Madon­na del­la Scop­er­ta.

Trasfer­i­tosi a Bres­cia per seguire il padre divenne istrut­tore del coro del nel 1866 a soli quat­tordi­ci anni per poi divenire diret­tore d’orches­tra al teatro Guil­laume dove rifor­mò l’or­dine dei cori. Da qui in poi la car­ri­era del nos­tro Pao­lo fu un crescen­do con­tin­uo con affer­mazioni anche a liv­el­lo inter­nazionale dal momen­to che venne apprez­za­to dal­lo stes­so Ver­di e che si fece inter­prete del­la neces­sità di rin­no­vare l’in­seg­na­men­to del­la musi­ca ren­den­do popo­lari i gran­di musicisti del­l’e­poca.

Nel­la sua attiv­ità si dedicò prin­ci­pal­mente alla scrit­tura musi­cale, prin­ci­pal­mente per pianoforte e musi­ca vocale, venen­do apprez­za­to dai più gran­di crit­i­ci con­tem­po­ranei come il Con­ter. Grande di cuore e partecipe del­lo sta­to evo­lu­ti­vo del­la pro­pria nazione con­cluse la sua profi­cua attiv­ità ded­i­can­dosi all’in­seg­na­men­to alle fan­ci­ulle orfane di guer­ra pres­so l’Is­ti­tu­to Rossi­ni, al tem­pio del­la memo­ria.

Per pot­er far conoscere questo stra­or­di­nario per­son­ag­gio alla popo­lazione di Lona­to la Pro­lo­co intende orga­niz­zare una ser­a­ta di appro­fondi­men­to in cui conoscere la vita e le opere del Chimeri, rac­con­tate dal­la dott.sa Mariel­la Sala2 in un even­to pub­bli­co gra­tu­ito orga­niz­za­to in col­lab­o­razione con gli ami­ci del­la Chiesa di San­t’An­to­nio Abate pro­prio all’in­ter­no del­la Chiesa omon­i­ma domeni­ca 7 aprile 2019 con inizio alle ore 17:00.

Durante la lezione ver­ran­no pre­sen­tati degli inter­mezzi musi­cali con la col­lab­o­razione del­la “Fon­dazione Casa di Dio onlus” di Bres­cia.

Parole chiave: - - -