Nel primo weekend di apertura, 1513 visitatori hanno ammirato e apprezzato l’esposizione che racconta la straordinaria stagione artistica italiana del XIX secolo, attraverso 100 capolavori dei suoi maggiori esponenti.

Partenza sprint per la mostra Da Havez a Boldini: Anime e volti della pittura italiana dell’Ottocento

24/01/2017 in Mostre
Parole chiave:
Di Redazione

Un otti­mo risul­ta­to di pub­bli­co ha carat­ter­iz­za­to il pri­mo week­end di aper­tu­ra del­la mostra Da Hayez a Bol­di­ni. Ani­me e volti del­la pit­tura ital­iana dell’Ottocento, in cor­so a a Bres­cia, fino all’11 giugno.

 Sono sta­ti 1513 i vis­i­ta­tori, prove­ni­en­ti essen­zial­mente dal ter­ri­to­rio bres­ciano e lom­bar­do e da un 10% fuori regione, che han­no ammi­ra­to i 100 cap­ola­vori che cel­e­bra­no la stra­or­di­nar­ia sta­gione che l’Italia visse nel cor­so del XIX sec­o­lo, attra­ver­so i mag­giori espo­nen­ti del neo­clas­si­cis­mo, del roman­ti­cis­mo, del­la scapigliatu­ra, dei mac­chi­aioli e del divi­sion­is­mo, da Cano­va ad Appi­ani, da Hayez a Cre­mona, da Fat­tori a Ingan­ni, da Segan­ti­ni a De Nit­tis, da Zan­domeneghi fino a Boldini.

Molto pos­i­ti­va è sta­ta la rispos­ta degli under 30 che tes­ti­mo­nia quan­to l’arte ital­iana dell’Ottocento sia apprez­za­ta e stu­di­a­ta da un pub­bli­co gio­vane, con una pref­eren­za per maestri quali Cano­va, Hayez e Boldini.

L’esposizione è cura­ta da Davide Dot­ti, orga­niz­za­ta dall’Associazione Ami­ci di Palaz­zo Mar­ti­nen­go in col­lab­o­razione con la Provin­cia di Bres­cia, col patrocinio del Comune di Brescia.

 

Parole chiave: