Fumare fuori dalla finestra della camera, rubare asciugamani e cibo o ospitare un'altra persona sono tra i divieti che gli italiani infrangono di più in albergo secondo Hotelscan.com

Un italiano su tre beve le bottigliette di alcolici del minibar e poi le riempie con acqua o succhi

29/08/2018 in Attualità
A Sona
Di Redazione

In piena estate, nelle set­ti­mane più calde, la mag­gior parte delle per­sone si gode le vacanze e sono mil­ioni quelle che han­no scel­to di sog­giornare in un alber­go. Il relax e le gior­nate sen­za pen­sieri, però, non dovreb­bero far dimen­ti­care la buona edu­cazione e le norme da rispettare; invece, sec­on­do il motore di ricer­ca e com­para­zione prezzi per hotel e altri tipi di allog­gi, hotelscan.com, gli ital­iani sono tra quel­li che infran­gono più regole durante le ferie, sec­on­di in Europa soltan­to agli spagnoli.

Il dato è frut­to di un sondag­gio con­dot­to dal team di hotelscan.com tra i tur­isti europei che sono sta­ti in vacan­za almeno una vol­ta negli ulti­mi due anni. Come pri­ma doman­da gli è sta­to chiesto se avessero mai fat­to qual­cosa di proibito in un hotel e ben l’87% degli ital­iani ha rispos­to in modo affer­ma­ti­vo. Poi, a tut­ti è sta­to domanda­to quali fos­sero le regole che era­no state vio­late durante la per­ma­nen­za in alber­go e queste sono state le risposte.

I divi­eti più vio­lati dagli ital­iani negli hotel:
- Rubare del cibo dal­la pri­ma colazione per man­gia­r­lo più tar­di (72%)
— Fumare fuori dal­la fines­tra delle camere per non fuma­tori (55%)
— Rubare asci­uga­mani e/o accap­pa­toi (44%)
— Bere le bot­tigli­ette del frigo­b­ar e poi riem­pir­le con acqua o suc­chi (35%)
— Las­cia­re gli asci­uga­mani sui let­ti­ni del­la pisci­na tut­to il giorno (21%)
— Fare il bag­no in pisci­na quan­do è chiusa (16%)
— Ospitare una per­sona in più in cam­era (11%)

La cosa che sem­bra meno grave e su cui si può chi­ud­ere un occhio è il fat­to di pren­dere qual­cosa in più dal buf­fet del­la pri­ma colazione, un po’ di frut­ta o uno spunti­no da fare a metà mat­ti­na, anche se nel­la mag­gior parte degli alberghi è vieta­to. Meno, invece, il fat­to di fumare alla fines­tra nelle aree in cui è rig­orosa­mente proibito e la mag­gior parte dei fuma­tori spes­so lo fa comunque in alber­go, cor­ren­do il ris­chio di essere “pizzi­cati” dai dis­pos­i­tivi che ril­e­vano il fumo nelle camere. Molti hotel, inoltre, met­tono in con­to che i loro accap­pa­toi o asci­uga­mani pos­sano essere pre­si dagli ospi­ti, anche se ormai, soprat­tut­to quel­li di un cer­to liv­el­lo, ne indi­cano il prez­zo, qualo­ra si volessero acquistare, o usano dei microchip che suo­nano se ven­gono por­tati all’esterno del­la strut­tura, facen­do ver­gognare chi pro­va a met­ter­li in vali­gia per por­tali a casa come sou­venir. Ma il dato più curioso di tut­ti è che il 35% degli ital­iani ha ammes­so di finire le bot­tigli­ette del frigo­b­ar e di ricari­car­le con altri liquidi.

Volen­do appro­fondire un po’ i truc­chet­ti dei “ladri di alcol”, a tut­ti col­oro che han­no rispos­to di aver fini­to i drink del­la cam­era è sta­to poi domanda­to che tipo di alcol­i­ci avessero con­suma­to e con cosa avessero sos­ti­tu­ito il con­tenu­to e i drink più get­to­nati sono risul­tati quel­li traspar­en­ti, tipo gin, rum o vod­ka, che poi sono sta­ti riem­pi­ti con acqua, segui­ti dal whisky che invece è sta­to sos­ti­tu­ito con suc­co di mela o tè. Infine, gli è chiesto se ave­vano già orches­tra­to il meto­do a casa o ci ave­vano pen­sato lì per lì in alber­go, e il 67% ha ammes­so di aver piani­fi­ca­to molto pri­ma la strate­gia, men­tre il 33% ha det­to di aver improvvisato. Il 77% ha anche affer­ma­to di aver pre­so spun­to dal rac­con­to di ami­ci o famil­iari che l’ave­vano già fat­to in precedenza.

A liv­el­lo europeo, gli ital­iani sono risul­tati il sec­on­do popo­lo più por­ta­to a con­travvenire le regole negli alberghi:
Spag­no­li: 90%
Ital­iani: 87%
Por­togh­e­si: 82%
Ingle­si: 78%
France­si: 67%.