Valtènesi, il “Rosso dell’Anno” è firmato dall’agricola Due Pini di Picedo d Polpenazze

Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

L’azienda agricola Due Pini a Picedo di Polpenazze conquista nuovamente il podio del “Premio Sante Bonomo” per il Rosso dell’Anno, istituito dal Consorzio Valtènesi in memoria del past president Sante Bonomo ed assegnato nell’ambito della 43esima Fiera di Puegnago del Garda.

Alla selezione hanno partecipato i 13 vini rossi a base Groppello che già avevano conquistato il diploma di eccellenza (con punteggio pari o superiore a 85/100) al concorso enologico ufficiale per la Doc Riviera del Garda Classico-Valtènesi della Fiera del Vino di Polpenazze del Garda. I campioni sono stati nuovamente degustati da un panel di esperti, che hanno decretato come  vincitore il Groppello 2018 “Sara” di Due Pini, storica cantina  biologica del comprensorio della Valtènesi oggi condotta dal giovane Marco Coccoli. L’azienda aveva vinto il premio anche lo scorso anno con la versione 2017 del medesimo vino, un Groppello in purezza da uve bio vinificato al 50% in acciaio, al 50% in cemento.

“Il Groppello è il vitigno autoctono di riferimento della nostra denominazione – ha detto il vicepresidente del Consorzio Valtènesi Fabio Contato a margine della cerimonia di consegna -. Un patrimonio che puntiamo a promuovere anche con questo importante riconoscimento dedicato alla memoria di un personaggio che è stato a lungo un importante punto di riferimento per il nostro territorio”.

Con l’attribuzione del Premio Sante Bonomo, si chiude ufficialmente in Valtènesi la stagione dei concorsi enologici territoriali, aperta a fine maggio con la Fiera di Polpenazze, e proseguita a giugno con la consegna del Trofeo Pompeo Molmenti al miglior Chiaretto dell’ultima annata. Con l’ultima tappa, collegata alla storica Fiera di Puegnago, il Consorzio Valtènesi punta a valorizzare la produzione di rossi, che rappresenta una componente importante di un comprensorio ormai ampiamente riconosciuto per unicità e storicità del suo vino rosa.

Commenti

commenti