Nominato a Lonato del Garda il nuovo garante degli animali e al via il progetto “Impronta urbana”

06/06/2019 in Attualità
Parole chiave: -
Iscriviti al nostro canale
Di Redazione

È sta­to nom­i­na­to il nuo­vo garante per il benessere degli ani­mali: è Rober­to Cac­cher­a­no, res­i­dente a Mon­tichiari, ref­er­ente regionale Fisc (Fed­er­azione Ital­iana Sport Cinofili), assis­tente edu­ca­tore cinofi­lo sporti­vo e respon­s­abile anche del Cen­tro di Cul­tura Cinofi­la degli Audaci di Mon­tichiari.

Il garante degli ani­mali opera in autono­mia e con indipen­den­za di giudizio e val­u­tazione, è nom­i­na­to diret­ta­mente dal sin­da­co e lavor­erà in stret­ta col­lab­o­razione con l’Ufficio Ecolo­gia e ambi­ente del comune lonatese.

I suoi com­pi­ti sono moltepli­ci: rac­coglie seg­nalazioni e recla­mi su even­tu­ali mal­trat­ta­men­ti di ani­mali, tutela i dirit­ti degli ani­mali sul­la base di norme comu­nali, region­ali, statali e dell’Ue, mon­i­to­ra le con­dizioni degli ani­mali nell’ambito di inizia­tive e com­pe­tizioni sportive, opera per la tutela dell’ambiente e for­mu­la pro­poste nel­la pro­pria sfera d’azione.

Il servizio, già pre­sente a Lona­to in pas­sato, viene riat­ti­va­to con la con­sapev­olez­za che è una impor­tante all’interno di una comu­nità – sot­to­lin­ea l’assessore all’Ecologia e Ambi­ente Chris­t­ian Simon­et­ti –. Avere un pro­fes­sion­ista ded­i­ca­to alla tutela dei nos­tri ami­ci a quat­tro zampe è un val­ore. Questo ci per­me­tte di essere sem­pre pron­ti in caso di seg­nalazioni di mal­trat­ta­men­ti di ani­mali domes­ti­ci e per un migliore rap­por­to con il dipar­ti­men­to vet­eri­nario dell’Ats di Bres­cia».

Il garante degli ani­mali incon­tr­erà i cit­ta­di­ni di Lona­to per rac­cogliere pro­poste e seg­nalazioni di man­ca­to rispet­to dei dirit­ti degli ani­mali. Rober­to Cac­cher­a­no riceve su appun­ta­men­to all’Ufficio Ecolo­gia del comune, in piaz­za Mar­tiri del­la lib­ertà, il lunedì dalle 11 alle 13 (tel. 030 91392282).

In con­tem­po­ranea prende avvio a Lona­to anche il prog­et­to “Impronta urbana” del­la Fed­er­azione ital­iana sport cinofili. Un’iniziativa che for­ma i pro­pri­etari a una cor­ret­ta ges­tione del pro­prio cane, sopratut­to in ambito cit­tadi­no, anche per con­trastare il fenom­e­no dell’abbandono. La final­ità ulti­ma è quel­la di una ser­e­na con­viven­za tra chi ama i cani e chi non li possiede, aumen­tan­do l’accoglienza, il rispet­to dei luoghi pub­bli­ci e delle regole civili (guin­za­glio di misura adegua­ta, rac­col­ta di deiezioni canine in luoghi pub­bli­ci, iscrizione all’Anagrafe can­i­na, ecc.).

«L’incarico con­fer­i­to al garante per il benessere degli ani­mali – com­men­ta il sin­da­co Rober­to Tar­dani – e i nuovi prog­et­ti educa­tivi in questo ambito rispon­dono a un duplice obi­et­ti­vo, tute­lare i dirit­ti dei nos­tri ami­ci ani­mali e avere cani e pro­pri­etari edu­cati, così da garan­tire sem­pre il deco­ro e il qui­eto vivere nel nos­tro comune».

Sono pre­visti prossi­ma­mente anche un paio di incon­tri pub­bli­ci sull’argomento.

Parole chiave: -

Commenti

commenti